Quantcast

Start Cup Emilia Romagna, i progetti vincitori 

I primi due progetti classificati per la sezione di Piacenza hanno inoltre avuto accesso alla penultima fase della competizione regionale denominata “Techweek”, rivolta ai migliori 20 progetti dell’Emilia Romagna che continueranno a concorrere per i premi finali

Più informazioni su

Sono stati selezionati i vincitori locali di Start Cup Emilia Romagna 2014, la business plan competition regionale affiliata al PNI-Premio Nazionale per l’Innovazione, che ha visto in prima fila, per il territorio piacentino, Piacenza Expo, il Comune di Piacenza e la Camera di Commercio di Piacenza.

I primi due progetti classificati per la sezione di Piacenza hanno inoltre avuto accesso alla penultima fase della competizione regionale denominata “Techweek”, rivolta ai migliori 20 progetti dell’Emilia Romagna che continueranno a concorrere per i premi finali.

Il vincitore di Start Cup Emilia Romagna 2014 – sezione di Piacenza è “The Tarot Project” di Massimiliano Bariola che mira alla valorizzazione turistica dei territori in chiave esperienziale, puntando sulla costruzione di storie che mescolano cronaca e storia reale con la fiction narrativa di leggende e folclore.

Al secondo posto si è classificato il progetto “Pvalue Research” di Paolo Piraino, un’idea imprenditoriale che si propone di connettere ricercatori di industrie farmaceutiche in un network per scambiare i propri dati sperimentali, testare ipotesi e validare scoperte; il tutto correlato ad un servizio di consulenza e analisi di dati. Il terzo posto della graduatoria locale è stato invece raggiunto, a pari merito, dai progetti “Tice-NPM” di Alexandre Marco Ernst e “XNOOVA/Adagio” di Roberto Tramelli.

Il primo riguarda la creazione di una palestra innovativa per le riabilitazioni motorie e disabilità dei bambini del territorio piacentino sfruttando metodologie innovative (alcune già brevettate) e le competenze di due giovani neuropsicomotricisti; il secondo riguarda invece la realizzazione di una piattaforma basata su tecnologie mobili innovative da utilizzare con smatphone, tablet, Google Glass, smartwatch, che sia d’ausilio per un visitatore alla scoperta di tutti i punti di interesse turistico/culturali, naturalistici e culinari presenti su tutto il territorio piacentino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.