Quantcast

Un cluster dell’energia e dell’ambiente. Il via del Comune

Il LEAP sarà soggetto promotore dell’associazione con base a Piacenza

Più informazioni su

Piacenza e il proprio territorio possono essere considerati un distretto d’eccellenza per l’energia e l’ambiente grazie ad una lunga e gloriosa tradizione in questo settore. Gli esempi di questo patrimonio storico importantissimo sono molteplici e vanno dall’estrazione del petrolio in Valchero nella seconda metà dell’Ottocento fino alla costituzione, ad opera di Enel negli anni Settanta, di laboratori di ricerca specialistica nel campo dell’impatto ambientale delle tecnologie energetiche.

Oggi molte di queste realtà sono mutate, ma l’eredità di questo patrimonio è ancora presente sul territorio ed è stata raccolta da tanti soggetti, di rilevanza anche nazionale ed internazionale, che operano ancora a Piacenza, sia sul fronte industriale sia su quello della ricerca.

Partendo da questa consapevolezza, il Comune di Piacenza, come sintetizzato nel documento strategico per lo sviluppo locale presentato lo scorso mese di aprile, propone di costituire un cluster, cioè una rete, fra queste imprese e questi centri di ricerca del settore energetico-ambientale ancora presenti sul territorio.
Il Laboratorio LEAP, il cui Consiglio Direttivo ha recentemente deliberato a favore di questa iniziativa, raccogliendo lo stimolo del Vicesindaco Francesco Timpano, diventerà soggetto promotore del Cluster Energia e Ambiente Piacenza.

Obiettivo del Cluster, che sarà probabilmente costituito come associazione, è la messa a sistema di tutte le realtà che a diverso titolo operano sul territorio nell’area dell’energia e dell’ambiente. Tuttavia il Cluster vuole andare oltre la realtà locale, diventando un’associazione a livello nazionale, ma con base a Piacenza. Sarà focalizzato sulle energie rinnovabili e sulla sostenibilità ambientale delle tecnologie energetiche, avvalendosi delle molteplici competenze ed esperienze accumulate nel settore da tutti i soggetti coinvolti nel progetto. Tra le attività principali ci saranno l’organizzazione di convegni e seminari formativi e la costituzione di cordate per la partecipazione congiunta a gare e bandi in ambito nazionale ed internazionale.

Il Cluster Energia e Ambiente si collegherà, e troverà numerose sinergie, con altre iniziative presentate a Piacenza di recente, come il protocollo “Piacenza territorio smart”, che porterà alla costituzione di un’associazione “Piacenza Smart City”, e il museo della storia del petrolio che vedrà la luce presso l’Urban Center.

Al momento si prevede di realizzare un primo incontro il prossimo settembre tra i potenziali partner dell’associazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.