Quantcast

Alla “Ricerca” gli incontri “Sosteniamoci!” per chi cura familiari non autosufficienti

“Sosteniamoci!”. E’ l’imperativo che i gruppi di automutuoaiuto dell’associazione “la Ricerca” rivolgono a quanti si prendono cura di un familiare non autosufficiente

Più informazioni su

Alla “Ricerca” incontri di gruppo per chi si prende cura di familiari non autosufficienti
Inizia “Sosteniamoci”, percorso di auto-aiuto per “caregivers”

“Sosteniamoci!”. E’ l’imperativo che i gruppi di automutuoaiuto dell’associazione “la Ricerca” rivolgono a quanti si prendono cura di un familiare non autosufficiente (un genitore molto anziano e ammalato, un fratello, il coniuge colpito da una patologia cronica o degenerativa, un figlio con problemi di salute mentale o handicap fisico), talmente assorbiti da questa dedizione che arrivano a trascurare se stessi talvolta fino al punto di ammalarsi. Sono i cosiddetti “caregivers”. A loro la onlus piacentina propone un percorso di confronti e sostegno reciproco che inizierà il 29 settembre: sono previsti sei incontri serali, ogni lunedì alle 20,45 nella sede della onlus piacentina in Stradone Farnese 96.

Il primo appuntamento sarà di presentazione del metodo: “Gruppi di automutuoaiuto. Che cosa è cambiato nella mia vita? Sfera personale, emozioni, limitazioni”. A seguire, nel secondo incontro (6 ottobre): “Responsabilità nei confronti della persona cara: stress, ansia, preoccupazione”. Terzo incontro (13 ottobre): “Tanta stanchezza per il carico di lavoro. Come possono aiutarmi gli altri?”. Quarto incontro (20 ottobre): “Discussioni in famiglia: quanta solitudine nel portare il peso dell’assistenza dal punto di vista emotivo e pratico”. Quinto incontro (27 ottobre): “Prendersi cura di sé dal punto di vista della salute, relazionale e sociale”. Ultimo incontro (3 novembre): “C’è uno spazio dove possiamo parlarne con qualcuno in libertà”. Non è richiesto nessun costo di partecipazione, ma un’offerta libera come contributo per coprire le spese sostenute dalla onlus per avviare il progetto. Le iscrizioni sono già aperte (e si chiudono martedì 23 settembre). Per informazioni ed eventuali prenotazioni rivolgersi ad Anna Papagni, responsabile del Servizio Famiglie e Automutuoaiuto-La Ricerca: cell. 348.8557985 o email prevenzione@laricerca.net.

Da più di trent’anni “La Ricerca” applica il metodo della condivisione e del sostegno reciproco fra persone che stanno vivendo situazioni di difficoltà simili, ottenendo risultati molto significativi, al punto che ha ampliato il proprio ambito d’azione inizialmente rivolto ai familiari di tossicodipendenti, anche a genitori di adolescenti e pre-adolescenti, a coppie in difficoltà, ed ora ai “caregivers”. “Vogliamo aiutare chi aiuta – spiega Anna Papagni – . Il caregiver può andare incontro a una condizione di perenne agitazione, dovuta alla responsabilità della persona cara. E diventa a sua volta bisognoso di sostegno, ma quasi non osa neppure pensarlo.

Essere al servizio di un malato vuol dire prendersi carico di una persona e accompagnarla verso la salute, la disabilità, o forse la morte, ma anche interessarsi a lei, rivolgerle parola, comunicare, ascoltare, comprendere; significa entrare in una rete di rapporti umani molto intensi. A lungo andare si rischia l’esaurimento emotivo, un senso di svuotamento fino alla perdita delle proprie energie e risorse. Purtroppo c’è una limitata offerta di servizi a sostegno dei caregivers. Con i nostri percorsi di automutuoaiuto possiamo fornire a loro un luogo, un tempo e uno strumento mediante i quali ritrovarsi, confrontarsi e sostenersi nell’affrontare le diverse problematiche inerenti il lavoro di cura del proprio familiare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.