Quantcast

Ciclovia del Parco del Trebbia, oggi la biciclettata

Rabuffi: "In primavera aperto il Centro visite a Camposanto vecchio"

Più informazioni su

Conoscere il Parco del Trebbia, grazie all’inaugurazione della ciclovia che si terrà domani. Questo lo scopo della biciclettata promossa dalla Regione Emilia Romagna, dalla stazione di Piacenza al Trebbia a Gossolengo, alla scoperta di alcuni piacevolissimi scorci di un paesaggio fluviale spesso sconosciuto

Il programma. 

ore 14.00 Partenza dalla Stazione ferroviaria di Piacenza. Dal centro storico di Piacenza si pedala in zone a traffico limitato, molto piacevoli da percorrere e, lungo strade secondarie di campagna, si giunge a Gossolengo. Il nome della località sembra derivare dal termine “osso lungo”, dal reperto appartenente al corpo di un elefante africano ritrovato nell’area, animale simbolo che si ritrova anche nello stemma comunale. La zona fu infatti teatro della Battaglia della Trebbia e punto di passaggio delle truppe di Annibale. Nei dintorni si trova il Castello di Baselica di Settima, del XIII secolo, costruito in parte con i ciottoli del fiume. Percorso su pista ciclabile e strada normale. Tempo di percorrenza: 1 ora Livello di difficoltà: basso

ore 15.00 Piazza di Gossolengo Da Gossolengo si prosegue verso la località Rossia, nel cuore del Parco del Trebbia, dove si può ammirare il paesaggio del greto e dove è in allestimento un punto informativo del Parco. Percorso su sterrato. Tempo di percorrenza : 45 minuti. Livello di difficoltà: basso

ore 16.15 Piazza di Gossolengo Ritornando verso la Piazza sarà offerta a tutti una ghiotta merenda preparata dai ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Piacenza e verrà messo in scena uno spettacolo teatrale intitolato Sogno di un giorno di fine estate. La manifestazione fa parte del calendario di eventi promosso dalla Regione Emilia Romagna.
In caso di maltempo lo spettacolo e la merenda saranno offerti negli spazi della palestra di Gossolengo in Via Soprani

Per informazioni: www.parchidelducato.it info.trebbia@parchiemiliaoccidentale.it oppure contattare Maria allo 0523795423 o Gisella al 3346574601 l’evento è aperto a tutti ma sarà gradita una telefonata per la partecipazione alla “biciclettata”

Prenderanno intanto il via tra pochi giorni i lavori per riqualificare la sede del Parco fluviale del Trebbia a Camposanto Vecchio. A confermarlo è l’assessore all’Ambiente del Comune di Piacenza Luigi Rabuffi, recentemente nominato rappresentante piacentino a livello regionale nella Consulta che governa i parchi emiliano-romagnoli. «Nella nostra sede che aprirà i battenti in primavera – commenta Rabuffi – andremo a collocare strumentazioni informatiche per generare un museo sensoriale. Sarà possibile fare un “volo” virtuale nel parco grazie alle immagini catturate dai “droni” su tutto il percorso. Il mio compito sarà quello di sostenere queste attività. Ci sono tanti aspetti importanti che stanno prendendo piede e intendiamo far crescere». A Piacenza infatti, l’argine del Trebbia è molto frequentato, ma sono pochi i piacentini che conoscono ciò che accade pochi metri più in là, dove è presente un ambiente naturale di notevole pregio. Sette i comuni toccati dal Parco del Trebbia, per un totale di quattromila ettari di territorio soggetto a particolari tutele urbanistiche. «Abbiamo visto – continua l’assessore all’Ambiente – che in altri parchi della Regione, grazie a strutture come quella che andremo a inaugurare si sono attirati studenti, per vedere da vicino la flora e la fauna, incentivando così un interessante flusso turistico. Gli strumenti che saranno utilizzati rappresentano una assoluta novità nel settore». Il “centro visite” del Parco vedrà così ospitati pannelli e video interattivi per una utile sinergia tra tecnologia e ambiente, con l’obiettivo di far conoscere meglio una zona di Piacenza da riscoprire.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.