Energia, Aicarr: “Il Governo adotti un testo unico sull’efficienza”

Un quadro legislativo nazionale in tema di efficienza energetica degli edifici troppo complesso che mette in difficoltà gli operatori del settore, dai progettisti ai certificatori, ma anche ai produttori e agli installatori, mentre le Direttive europee in tema di efficienza energetica e fonti rinnovabili, emanate una dopo l’altra e spesso di difficile interpretazione, sono state recepite in Italia in maniera tardiva e contraddittoria.

Più informazioni su

Questa notizia è offerta da Costantini Informa. Dal 1962 condizionamento, ventilazione e gestione impianti termici. Scopri le ultime novità su www.costantini1962.it

Un quadro legislativo nazionale in tema di efficienza energetica degli edifici troppo complesso che mette in difficoltà gli operatori del settore, dai progettisti ai certificatori, ma anche ai produttori e agli installatori, mentre le Direttive europee in tema di efficienza energetica e fonti rinnovabili, emanate una dopo l’altra e spesso di difficile interpretazione, sono state recepite in Italia in maniera tardiva e contraddittoria.

Lo denuncia l’Aicarr (Associazione italiana condizionamento dell’aria riscaldamento e refrigerazione) che chiede al governo un Testo Unico sull’efficienza energetica negli edifici, con lo scopo di fare chiarezza, di semplificare e di rendere più omogenea la regolamentazione legislativa dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio nazionale.

L’Associazione ricorda l’esempio della legislazione che ha riguardato la certificazione energetica: il processo di recepimento è stato completato dopo 12 anni dalla pubblicazione della Direttiva (Epbd – Energy Performance Building Directive).

Secondo Aicarr, la semplicità legislativa permetterebbe alle istituzioni di esercitare in modo univoco e chiaro le attività di progetto, verifica e controllo, ma soprattutto di restituire agli utenti una maggiore certezza sulle prestazioni energetiche dichiarate di edifici e impianti.

L’obiettivo del Testo Unico, oltre a fornire un contributo di semplificazione (“nessuna nuova legge o dispositivo normativo”, sottolinea l’associazione) permetterebbe di garantire un accordo interpretativo tra ciò che esiste ora e ciò che è in fase di completamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.