Quantcast

Istruzione adulti, taglio del nastro per la nuova sede foto

Riqualificata dalla Provincia una palazzina nel complesso scolastico di via Negri. Trespidi: “Anche per questo inizio di anno scolastico non parole ma fatti”

Più informazioni su

CENTRO PROVINCIALE ISTRUZIONE ADULTI, TAGLIO DEL NASTRO PER LA NUOVA SEDE

Riqualificata dalla Provincia una palazzina nel complesso scolastico di via Negri. Trespidi: “Anche per questo inizio di anno scolastico non parole ma fatti”

Nuova sede per il Centro Provinciale Istruzione Adulti (CPIA) di Piacenza. Taglio del nastro questa mattina per la rinnovata palazzina di via Negri che da oggi ospiterà presidenza e servizi amministrativi del Cpia.

L’immobile, all’interno del complesso scolastico di proprietà della Provincia di Piacenza comprendente l’Istituto Tecnico per Geometri “Alessio Tramello” e l’ex Ipsia “Leonardo da Vinci”, è stato oggetto di un importante intervento di riqualificazione, interamente finanziato dall’ente di via Garibaldi con la somma di 80mila euro, per rendere agibili all’utenza i locali.

“Come uomo di scuola – ha sottolineato il Presidente della Provincia Massimo Trespidi – sono particolarmente contento che uno dei miei ultimi atti da Presidente contribuisca a migliorare il sistema scolastico provinciale a cui abbiamo sempre dedicato risorse e attenzione. Anche all’inizio dello scorso anno scolastico avevamo inaugurato la nuova scuola a Calstelsangiovanni: tutti esempi che mostrano come alle parole e agli annunci questa amministrazione abbia sempre preferito i fatti”.

“La realizzazione di questo intervento – ha aggiunto – era la condizione posta dall’Ufficio Scolastico Regionale per avere a Piacenza la sede del Cpia, che ci eravamo impegnati ad inaugurare entro il 30 settembre. Per questo, in collaborazione con il Comune di Piacenza, l’Ufficio Scolastico Provinciale e la Preside Elisabetta Ghiretti, abbiamo lavorato con tenacia per questo obiettivo, raggiunto a tempo di record: tutto l’iter, dal ricevimento della richiesta, allo stanziamento dei fondi in variazione di bilancio, alla realizzazione dell’intervento, è stato portato a termine in soli due mesi”.

I lavori hanno comportato la riqualificazione e sistemazione dei locali interni con la realizzazione di nuovi servizi igienici, fra cui uno per disabili, e l’installazione di nuovi serramenti. All’esterno verrà poi realizzata una rampa di accesso per disabili.

“Con questo intervento – ha concluso Trespidi – non solo troviamo una sede per il Cpia, ma allo stesso tempo riqualifichiamo un immobile in disuso di proprietà della Provincia che in futuro potrà essere utilizzato nell’ambito del sistema scolastico e non”.

Dal dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Luciano Rondanini e da Laura Gianferrari, in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Regionale, sono arrivati i ringraziamenti al Presidente Trespidi e all’amministrazione provinciale. Entrambi hanno ricordato l’importanza di questa sede che ospita da oggi una nuova istituzione scolastica: “L’istruzione per gli adulti, molto valorizzata in tanti paesi europei, – hanno detto – deve diventare anche in Italia la nuova frontiera dell’istruzione scolastica”.

“Come Comune di Piacenza – ha spiegato l’assessore Giulia Piroli rimarcando la proficua collaborazione con la Provincia – metteremo a disposizione i locali degli ex Ctp di via Stradella e via Michelangelo per i corsi di formazione e le attività didattiche”. Nel programma figurano corsi di lingua italiana per stranieri, di informatica, di lingue straniere, di musica, fino all’arte e alla teologia.

“Il Cpia – ha voluto ricordare la preside Ghiretti – ha un proprio mandato anche per le aree di svantaggio; coordineremo ad esempio le tante domande giunte da parte di profughi fino ai percorsi di istruzione all’interno della casa circondariale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.