Quantcast

“Più sicurezza senza blocco degli stipendi”, sciopero dei sindacati di polizia foto

Basta blocco degli stipendi e dei rinnovi contrattuali. Questa una delle motivazioni dello sciopero, indetto per oggi 23 settembre, dai sindacati di polizia Sap, Sappe, Sapaf e Conapo. Mobilitazione riuscita anche a Piacenza, spiegano i promotori

Più informazioni su

Basta blocco degli stipendi e dei rinnovi contrattuali. Questa una delle motivazioni dello sciopero di 3 ore, indetto per oggi 23 settembre, dai sindacati di polizia Sap, Sappe, Sapaf e Conapo. Una mobilitazione riuscita anche a Piacenza, spiegano i promotori Ciro Passavanti (Sap), Rachele Nobile (Sappe) e Alberto Ranzani (Sapaf).

“Vogliamo dare un segnale molto forte al premier Matteo Renzi – spiegano -, la mobilitazione di oggi è solo un primo passo, se non otterremo risposte proseguiremo con la nostra protesta. Vogliamo dire basta al blocco del Tetto Stipendiale e ai mancati rinnovi contrattuali, per dimostrare che gli operatori delle forze dell’ordine, i vigili del fuoco e le loro famiglie sono allo stremo e le condizioni di servizio attuali non sono più  accettabili. Per una riforma seria del comparto sicurezza e soccorso pubblico, razionalizziamo e destiniamo i risparmi a sicurezza e retribuzioni”.

“Ci tolgono il sangue? Meglio donarlo”. Come già in passato questo è stato il motto della protesta: alcuni degli astenuti dal servizio, infatti, si sono recati presso il centro trasfusionale per “donare quel poco sangue che ci è rimasto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.