Quantcast

Summer school, 120 architetti studiano Piacenza “dismessa” foto

Hanno “invaso” Piacenza con le loro biciclette e i loro quaderni per schizzi e appunti i 120 studenti della International Summer School OPEN CITY.

Più informazioni su

Hanno “invaso” Piacenza con le loro biciclette e i loro quaderni per schizzi e appunti i 120 studenti della International Summer School OPEN CITY.

Dopo l’inaugurazionedi lunedì, i giovani architetti, guidati da tutor e docenti, sono già al lavoro su una serie di aree dismesse della città, da rigenerare attraverso disegni di piccoli padiglioni espositivi e di spazi pubblici verdi.

Realtà particolari, alcune nascoste nel cuore di Piacenza, da scoprire e studiare come casi emblematici della città contemporanea. Nelle quali adottare una strategia “tattile” fatta di piccole azioni capaci di generare grandi cambiamenti.

Nella serata di martedì, la conferenza vede protagonisti 2 architetti spagnoli di Siviglia – Javier Lopez e Ramon Pico (actastudio) – visiting professors alla Summer School, che hanno parlato dei loro progetti realizzati in Andalusia.

Mercoledì 10 settembre ci si focalizza invece su EXPO e sugli impatti sulla città di Piacenza. La Summer School interpreta proprio l’evento espositivo milanese come un fattore chiave nella potenziale trasformazione di città e territori e proprio in quest’ottica si sono sviluppati rapporti di collaborazione con Milano Expo 2015, Le Università per l’Expo e l’ATS “Piacenza per Expo 2015”.

All’incontro mattutino (ore 10,00) parteciperanno Ettore Capri (professore di agraria), Serena Guariniello, in rappresentanza del presidente dell’ATS “Piacenza per Expo 2015” Silvio Ferrari, il docente del Politecnico Remo Dorigati, Gabriele Pasqui (direttore del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani) e Francesco Timpano (vicesindaco di Piacenza).

Dopo l’attività di workshop del pomeriggio, la giornata si chiude con un’altra intensa serata con visioni alternative rispetto al tema generale della Scuola: Joao Nunes è un noto architetto portoghese di Lisbona, con numerose realizzazioni all’estero, Mauro Galantino lavora come architetto a Milano ed insegna allo IUAV di Venezia, mentre Lluis Vives è docente spagnolo e visiting professor proprio a Piacenza.

Nella giornata di giovedì – che precede la prima critica intermedia dei progetti – gli studenti saranno chiamati a concentrare i proprio sforzi sui tavoli da disegno. In serata in una conferenza introdotta da Antonella Contin, ricercatrice al Politecnico, si torna a parlare di architettura internazionale e di Expo con 3 nuovi ospiti della Summer School: 2 sono spagnoli, Blanca Lleò e Juan Domingo Santos, rispettivamente architetto madrileno, autrice di progetti con forte eco internazionale, e progettista andaluso di Granada che ha firmato opere di grande sensibilità. Il terzo ospite, David Knafo, è invece israeliano e ha firmato il progetto per il padiglione del suo paese all’Expo.

Tutti gli eventi si svolgono presso il Padiglione Nicelli del Campus Arata, via Scalabrini 113, sono ad ingresso libero, in lingua inglese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.