Aggressione dei lupi. Pollastri (FI): “Necessaria una politica per gestire il fenomeno”

"Un problema troppo a lungo sottovalutato dalla Regione - ha spiegato l’azzurro - ma che se, non opportunamente governato, rischia di diventare sempre più grave"

Più informazioni su

“Un problema troppo a lungo sottovalutato dalla Regione, ma che, se non opportunamente governato, rischia di diventare sempre più grave per l’agricoltura e per la stessa incolumità dell’uomo”, così Andrea Pollastri (FI) commentando il ritrovamento di un capriolo sbranato dai lupi è stato nei pressi di Mezzano Scotti, a poca distanza dalla strada principale.

A seguito della quasi scomparsa della specie, il lupo, dal 1971, è stato dichiarato protetto in tutt’Italia: la fine della caccia e l’avanzata delle superfici boscate seguita allo spopolamento delle montagne, ha portato, sin dagli anni Ottanta, alla crescita numerica di questi animali, anche sul nostro Appennino. Ad esempio, nella sola parte piacentina, in cinque anni si è passati dai 15 lupi censiti (dato 2008) ai 23 attuali, riuniti in cinque branchi, ciascuno formato da quattro-cinque esemplari. All’incremento demografico ha corrisposto la vertiginosa crescita delle aggressioni: sempre nel piacentino dal 2006 ad oggi sono stati predati più di duecento animali, per lo più pecore. Nel solo 2013 si sono registrati più attacchi nei mesi di maggio, luglio, settembre e novembre, che hanno interessato greggi ubicate in Valtrebbia, Valnure e Valdarda, mentre a Brallo, poco distante da Ceci di Bobbio, si è verificato addirittura l’aggressione di un vitello.

La presenza dei lupi, per altro, non è più limitata alla sola alta montagna, ma anche a zone di media collina come Ciriano di Carpaneto e Riva di Pontedellolio. Sull’argomento Pollastri aveva presentato un’interrogazione a cui l’Assessore all’Agricoltura Tiberio Rabboni aveva risposto così: “La Regione Emilia – Romagna, con la collaborazione dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha condotto una ricerca decennale (2002 – 2011) che, integrata da successive analisi statistiche, hanno consentito di stimare la dimensione media della popolazione di lupo (circa 200 individui), la localizzazione dei branchi stabili, gli individui in dispersione e la consistenza di ibridi, derivanti cioè dall’incrocio tra lupo e cane.

L’indagine è stata sospesa nel momento in cui, ritenendo superflua la stima puntuale di una specie caratterizzata da una elevatissima mobilità in grado di travalicare i confini amministrativi della Regione, si è verificata la ricolonizzazione dell’intero crinale appenninico da parte del lupo. Dopo il 2011 l’attenzione si è quindi concentrata maggiormente sulla gestione dell’impatto di questi animali con le attività antropiche.” Relativamente, invece, al risarcimento dei danni arrecati agli allevamenti l’Assessore ha affermato che “Nel periodo 2005 – 2012 la Regione ha riconosciuto agli allevatori indennizzi per una somma complessiva pari a 1.027.300 di euro.

La Deliberazione dell’Assemblea legislativa del luglio 2013 ha definito i criteri di erogazione dei contributi da destinare alle aziende agricole per danni da predatori prevedendo che venga riconosciuto un contributo pari al 100% del valore di mercato del capo predato maggiorato della quota del 100% per i capi iscritti ai Libri Genealogici confermando, nel contempo, il contributo di 100 euro per ciascun attacco per lo smaltimento e la distruzione delle carcasse. La Legge finanziaria regionale per il 2014 prevede la realizzazione, da parte delle Province, di progetti sperimentali promossi dalla Regione per valutare l’efficacia dell’introduzione negli allevamenti zootecnici di specifiche misure di prevenzione per la difesa del bestiame da predazione da parte di canidi.”

“Mi pare di capire – commenta l’azzurro – che in questi anni si è rinunciato a voler mappare la presenza dei lupi, dandone per scontato l’aumento indiscriminato della popolazione, a cui si aggiunge l’altro problema altrettanto grave dei cani inselvatichiti. Si tratta di una politica arrendevole, che si è limitata a dare i contributi a chi ha ricevuto i danni considerando, però, che 100 euro per il recupero di una carcassa può essere poco, specie in zone impervie e lontane dalle strade, e che gli indennizzi non tengono conto, ad esempio dei danni alle colture dovute al calpestio o al passaggio dei branchi. Sarebbe stata invece necessario fare un gioco di squadra con le altre Regioni e col Governo per vedere di governare il problema e di valutare l’evoluzione che dal 1971 ha avuto la specie, divenuta molto numerosa e soprattutto localizzata vicino a zone anche densamente abitate, col rischio di diventare un reale pericolo anche per l’uomo. L’auspicio è che la nuova Giunta non faccia finta di niente, per quieto vivere, come l’attuale ma si muova concretamente in questo senso.” Pollastri (FI): “La forza della buona politica è dare risposte alle esigenze delle persone”

VERSO LE ELEZIONI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE

E’ continuato questa mattina sul mercato della Farnesiana a Piacenza il tour con cui Andrea Pollastri, consigliere regionale di Forza Italia, sta illustrando l’attività svolta in questi anni in Assemblea regionale.

Diverse le preoccupazioni e le problematiche rappresentate al consigliere dai cittadini, a partire dalle difficoltà create dalla crisi economica e dalla mancanza di lavoro, per passare alla concorrenza sleale dei venditori abusivi o alla percezione di insicurezza che ormai accomuna molte persone. Ma sono arrivate anche alcune segnalazioni da indirizzare al Sindaco: “Mi è stato segnalato da diversi ambulanti e frequentatori del mercato – afferma Andrea Pollastri, candidato di Forza Italia alle prossime elezioni regionali – che i bagni pubblici che si trovano nella zona dell’area mercatale della Farnesiana sono chiusi da ormai tre anni. E’ un disservizio, forse piccolo, ma che crea disagi e difficoltà. Ho preso l’impegno di verificare la situazione e interessare di ciò il Sindaco di Piacenza e la Giunta comunale. Penso sia necessario che la politica e l’amministrazione diano risposte chiare e immediate alle richieste della gente, se non si vuole scivolare velocemente verso la disaffezione e la sfiducia”.

Taccuino Elettorale

Domani, mercoledì 22 ottobre, il consigliere regionale e candidato alle prossime elezioni per Forza Italia, Andrea Pollastri, incontrerà cittadini e simpatizzanti sul mercato cittadino di Piazza Duomo e Piazza Cavalli dalle ore 10.30 per illustrare l’attività svolta in Assemblea regionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.