Quantcast

Cgil incontra i parlamentari Pd: “Confronto utile, ripartire dallo sviluppo”

Riforma del mercato del lavoro, riforma degli ammortizzatori sociali; una nuova idea di sviluppo del Paese e le piattaforma al centro della grande manifestazione indetta il 25 ottobre a Roma sono stati alcuni dei punti trattati nel confronto, durato circa due ore

Più informazioni su

La sala Guido Rossa della Camera del Lavoro come una piccola “Sala Verde” di palazzo Chigi. Un confronto definito “fruttuoso” dalle parti quello di oggi, lunedì 6 ottobre, tra l’onorevole Paola De Micheli e Marco Bergonzi del Partito Democratico (parlamentare in pectore) e la segreteria della Cgil di Piacenza, con il segretario generale Gianluca Zilocchi, Ivo Bussacchini e Stefania Bollati.

Riforma del mercato del lavoro, riforma degli ammortizzatori sociali; una nuova idea di sviluppo del Paese e le piattaforma al centro della grande manifestazione indetta il 25 ottobre a Roma sono stati alcuni dei punti trattati nel confronto, durato circa due ore.

“Siamo disponibili a un confronto vero e approfondito sul mercato del lavoro e con gli onorevoli abbiamo convenuto che si deve partire da un’idea di sviluppo industriale dell’Italia: la Cgil – ha spiegato al termine Zilocchi – ha idee e proposte, contenute nel Piano per il Lavoro. Quello di oggi è stato un confronto importante, abbiamo spiegato le nostre ragioni alla base della manifestazione del 25 in un clima opposto a quello che viene dipinto attorno alle organizzazioni sindacali e alla Cgil in particolare”.

I parlamentari del Pd hanno sottolineato come sia necessario individuare un modello di sviluppo sul quale incardinare le politiche di crescita, in un contesto in cui il problema del debito pubblico è sempre più pressante al pari degli interventi urgenti di contenimento della spesa pubblica.

Fermo restando le autonomie delle parti, la segreteria Cgil e i parlamentari hanno auspicato una soluzione condivisa della delicata fase sociale, politica e sindacale. “Terremo un canale di contatto aperto tra noi e i parlamentari piacentini – si legge in una nota Cgil – vogliamo la stessa cosa: uscire dalla crisi con equità e politiche di sviluppo. Abbiamo di fronte persone serie, capaci e crediamo che il dialogo e il confronto sia l’unica strada per uscire insieme da questa fase senza lasciare indietro nessuno”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.