Quantcast

Consorzio di bonifica, nuovo direttore e nuovi progetti formativi foto

Il Consorzio di Bonifica di Piacenza ha presentato il nuovo direttore generale, Massimo Bonacini, reggiano di 55 anni. E con lui tutti i rinnovati progetti formativi per le scuole

Più informazioni su

Il Consorzio di Bonifica di Piacenza ha presentato il nuovo direttore generale, Massimo Bonacini, reggiano di 55 anni. E con lui tutti i rinnovati progetti formativi per le scuole, dai concorsi alle gite sino all’attività di animazione per ragazzi nell’ambito delle attività di divulgazione e conoscenza delle capillari funzioni della bonifica e delle problematiche idrogeologiche.

“Questo ente viene dalla fusione di due consorzi operanti sul territorio – ha spiegato il presidente del consorzio Fausto Zermani -, nel percorso c’é stata l’individuazione di chi potesse rivestire al meglio la funzione di comando della struttura. Il dott. Bonacini viene da un’esperienza a Reggio Emilia nell’ambito dell’agricoltura”. “Già da agosto, nel periodo dell’irrigazione, quindi abbiamo richiesto la presenza della sua figura – ha sottolineato.

“Il territorio – ha spiegato Bonacini – é molto bello dal punto di vista del paesaggio ma anche delicato per problemi di dissesto”. Grande deve essere, quindi, la cura. “L’agricoltura é fiorente, con begli imprenditori”. “La montagna purtroppo si muove – ha aggiunto -: ci sono molti interventi da fare. Con l’ultimo nubifragio abbiamo avuto, in particolare, due emergenze su due strade di bonifica, nella zona Villanova, Aglio, Pradovera”. “La rete di bonifica e di scolo deve essere continuamente tenuta funzionale – ha sottolineato dicendo che, in futuro, si interverrà anche su un reticolo minore di acque pubbliche, non di competenza del consorzio, ma comunque importante per la salute del territorio.

In mattinata sono state presentate anche le iniziative per le scuole alla presenza di tutte le realtà coinvolte (dall’Amministrazione comunale, alle scuole sino all’ordine degli architetti al Museo Civico). “Noi abbiamo investito, da qualche anno su questo argomento – ha detto Zermani -: vivevamo un gap di disinformazione enorme. La sicurezza territoriale deve far parte della cultura delle persone che vivono il territorio”. “Per noi recuperare il territorio significava partire dai giovani – ha aggiunto.

“Educare i giovani é fondamentale – ha detto l’assessore alle politiche giovanili Giulia Piroli -: non sono fannulloni, basti pensare agli “angeli del fango” di Parma. Una semplice lezione a scuola puó fare tanto: si puó iniziare dal non sprecare acqua quando ci si lava i denti”. Dai bambini poi si giunge alle famiglie.

I progetti in programma:
“Acqua e territorio” concorso a premi bandito dall’Unione Regionale delle Bonifiche Emilia Romagna – Urber e giunto alla settima edizione
“Animazione teatrale in collaborazione con Uber” due spettacoli con l’attore-animatore delle bonifiche Lorenzo Bonazzi “Racocnti di ponti e storielle di ombrelli” e “Terra dura in multicolor”.
“Un’aula verde sull’acqua” in collaborazione con il Museo Geologico di Castell’Arquato
“Attività didattica negli impianti” gite guidate alle dighe del Molato e di Mignano e all’impianto della Finarda
“Un’aula blu sul Trebbia” in collaborazione con Museo Civico di Storia Naturale di Piacenza, Società Piacentina di Scienze Naturali, Parco rEgionale Fluviale del Trebbia e Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza
“Dall’acqua alla tavola” per educare i giovani all’importanza della risorsa in collaborazione con Museo Civico di Storia Naturale di Piacenza e Coldiretti
“Vento gira nelle scuole!” concorso di idee in collaborazione con il Politecnico di Milano per il progetto della pista ciclabile da Torino a Venezia denominato VENTO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.