Emergenza casa, dal Comune tre bandi per 775mila euro

"L’attenzione all’emergenza abitativa è massima - ha detto Stefano Cugini, assessore al nuovo Welfare - La situazione di disagio, infatti, é in aumento"

Ammontano a 774.381,72 euro i contributi stanziati dal Comune di Piacenza (grazie sia a fondi regionali che comunali) nell’ambito dell’emergenza abitativa.

“L’attenzione all’emergenza abitativa è massima – ha detto Stefano Cugini, assessore al nuovo Welfare – La situazione di disagio, infatti, é in aumento”.  Numerosi gli sfratti nel Comune di Piacenza, circa 1 al giorno. Per questo sono stati ideati 3 bandi, indirizzati a precise categorie, che promettono di venire in auto sia a conduttori che locatori.

1) BANDO BANDO EMERGENZA ABITATIVA

Requisiti generali:
1 -Cittadinanza italiana (o UE) per extra UE regolare titolo di soggiorno;
2- Contratto di locazione di unità immobiliare a uso abitativo regolarmente registrato nel Comune di residenza (Piacenza);
3- Nessuno dei componenti il nucleo familiare deve essere titolare di diritti di proprietà o altro diritto reale di godimento su beni immobili;
4 – Valore ISEE minore di € 17.154,30

Esclusioni:
I beneficiari che nell’anno 2014 hanno già beneficiato di contributi per l’emergenza abitativa;
Assegnatari di alloggi ERP o di Alloggio di Emergenza Abitativa o di Edilizia Residenziale Sociale o Edilizia Agevolata.

A CHI E’ INDIRIZZATO:

– inquilini INADEMPIENTI con il mancato pagamento di ALMENO 6 mensilità del canone di locazione, rispetto al pagamento del canone di locazione a causa del verificarsi e perdurare di una condizione che ha portato una rilevante diminuzione della capacità reddituale del nucleo nell’ultimo biennio (es. licenziamento, decesso, insorgenza no autosufficienza, spese straordinarie o urgenti …). Si chiede la disponibilità del locatore a sottoscrivere una dichiarazione di impegno a sospendere l’esecutività dello sfratto o NON avviare le procedure dello sfratto per un numero di mesi pari a quelli coperti dal contributo erogato. Il contributo erogabile è di 3mila euro.

– nuclei familiari che nel 2014 a seguito di sfratto o altro obbligo di rilascio dell’alloggio abbiano reperito altra soluzione abitativa ovvero debbano rinnovare il contratto di locazione per la permanenza nell’alloggio già occupato. Per assolvimento obbligo pagamento caparra o deposito cauzionale, spese di attivazione delle utenze, spese agenzia immobiliare, spese trasloco , stipula del contratto, massimo 4 mensilità canone di locazione. Le spese devono essere documentate (MA NON ANCORA SOSTENUTE). È necessario produrre copia del nuovo contratto di locazione registrato. Il contributo erogabile è di 2500 euro.

2) FONDO INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI

Requisiti generali:
1. Cittadinanza italiana (o UE) per extra UE regolare titolo di soggiorno;
2. Essere destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;
3. Contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo nel Comune di Piacenza regolarmente registrato e nella quale si risiede da almeno un anno;
4. Non essere titolare di diritti di proprietà o altro diritto reale di godimento su beni immobili (requisiti richiesto a tutti i componenti del nucleo familiare);
5. Valore ISEE minore di € 26.000,00 (ISE = 35.000,00)

Esclusioni:
I beneficiari che nell’anno 2014 hanno già beneficiato di contributi per l’emergenza abitativa;
Assegnatari di Alloggi ERP o di Alloggio di Emergenza Abitativa o di Edilizia Residenziale Sociale o Edilizia Agevolata

A CHI E’ INDIRIZZATO:

La condizione indispensabile è il verificarsi una condizione di difficoltà che ha portato una rilevante diminuzione della capacità reddituale del nucleo nell’ultimo biennio e tuttora perduranti (es. licenziamento, decesso, spese straordinarie o urgenti…). Deve essere presente un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida.

– In caso di provvedimento di rilascio esecutivo e sottoscrizione di un nuovo contratto a canone concordato con il proprietario il contributo previsto è di 3500 euro
– In caso di impossibilità a versare il deposito cauzionale per la stipula di un nuovo contratto. a causa della ridotta capacità economica, il contributo previsto è di 2mila euro.
– In caso di dimostrata disponibilità del proprietario di differire di almeno 6 mesi l’esecuzione del provvedimento di rilascio il contributo previsto è di 3mila euro.

CRITERI PREFERENZIALI E PREMIALITÀ
1. Valutazione della condizione economica del Nucleo familiare (ISEE)
2. Nuclei monogenitoriali con minori o in presenza di figli maggiorenni a carico;
3. Nuclei NON monogenitoriali con minori;
4. Presenza di ultrasettantenni nel nucleo;
5. Presenza di un componente con invalidità accertata (almeno 74%) nel nucleo;
6. Nucleo incarico ai servizi sociali da almeno 6 mesi alla data della presentazione (SOLO per Bando Morosità Incolpevole);
7. Nucleo familiare di nuova formazione (coniugati o conviventi da non più di 4 anni e componenti con massimo 35 anni);
8. Anzianità di residenza continuativa nel Comune di Piacenza

È POSSIBILE PARTECIPARE A TUTTI E TRE I BANDI
SI ACCEDERÀ SOLO AL CONTRIBUTO PIÙ FAVOREVOLE
IL CONTRIBUTO SARÀ VERSATO AL PROPRIETARIO – NON AL CONDUTTORE

3)  FONDO ACCESSO ABITAZIONI IN LOCAZIONE

Requisiti generali:
1. Cittadinanza italiana (o UE) per extra UE regolare titolo di soggiorno E residente da almeno 10 anni
nel territorio nazionale OPPURE da almeno 5 nella Regione Emilia – Romagna;
2. Residenza anagrafica nel Comune di Piacenza e nell’alloggio oggetto di contratto di locazione;
3. Contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo nel Comune di Piacenza regolarmente registrato o di contratto di assegnazione in godimento di un alloggio di proprietà di Cooperativa;
4. Non essere titolare di diritti di proprietà o altro diritto reale di godimento su beni immobili (requisiti richiesto a tutti i componenti del nucleo familiare);
5. Valori ISE ed ISEE in rapporto all’incidenza del canone di locazione annuo;
6. Patrimonio mobiliare non superiore ad € 35.000,00

Esclusioni:
1. I beneficiari che nell’anno 2014 hanno beneficiato di contributi per l’emergenza abitativa;
2. Assegnatari di Alloggi ERP o di Alloggio di Emergenza Abitativa o di Edilizia Residenziale Sociale o Edilizia Agevolata

IMPORTANTE:
I Requisiti devono essere posseduti dal solo soggetto che presenta la domanda (qualunque soggetto presente nel nucleo ISEE può presentare domanda);
Il contributo, SE maggiore di 50€, viene erogato a tutte le richieste ammissibili (contributo a pioggia) fino a esaurimento delle risorse finanziarie;
SONO INATTENDIBILI (e quindi ESCLUSE) le situazioni in cui:
.    a)  La somma dei redditi IRPEF e IRAP è pari a 0 (fatti salvi i redditi esenti);
.    b)  La somma dei redditi IRPEF e IRAP è inferiore al canone annuo;
.    c)  La somma dei redditi IRPEF e IRAP è superiore al canone annuo di un valore non superiore al 10%

IL CONTRIBUTO VIENE VERSATO AL CONDUTTORE (NON AL PROPRIETARIO)

Le domande potranno essere presentate dal 20 ottobre al 28 novembre presso Informasociale, via Taverna 39; Informasociale (Polodecentrato), via XXIV Maggio 26/28; Protocollo Generale, via Beverora 57

I fondi sono cosí ripartiti: 138.425,10 euro per il Fondo per L’emergenza abitativa; 155.066,91 fondo morosi incolpevoli; 480.889,71 fondo per l’accesso alle abitazioni in locazione.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione anche Luigi Squeri, Laura Vlacci e Massimo Feltrinelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.