Quantcast

Hospice, false telefonate di raccolta fondi. “E’ una truffa”

L’Amministrazione comunale precisa di non aver incaricato nessuno di avanzare richieste di denaro per l’Hospice di Piacenza. 

Più informazioni su

Hospice, false telefonate di raccolta fondi. L’invito ai cittadini: “Diffidate e segnalate i tentativi di truffa”

Considerato che nei giorni scorsi sono state ricevute, da privati cittadini e da aziende, diverse telefonate a nome della Casa di Iris, per una presunta raccolta di fondi a favore della struttura, l’Amministrazione comunale precisa di non aver incaricato nessuno di avanzare richieste di denaro per l’Hospice di Piacenza.

“Questi signori – commenta Sergio Fuochi, dirigente comunale e referente, per Palazzo Mercanti, dell’associazione “Insieme per l’Hospice” – sono dei truffatori, che approfittano delle disgrazie altrui per incamerare abusivamente denaro. L’Amministrazione comunale diffida pertanto chiunque a proporsi come suo rappresentante attraverso telefonate, mail o lettere con richieste di contributo. Questa storia va avanti da alcuni giorni e vogliamo abbia fine immediatamente.

Consigliamo inoltre, alle persone che vengono contattate, di segnalarcelo. Altri sono i modi per sostenere l’Hospice, ad esempio gli eventi che periodicamente organizziamo a favore della struttura, come la castagnata che avrà luogo il 18 ottobre di fronte alla Casa di Iris”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.