Quantcast

“Le aree industriali – sostenibilità e competitività”, il convegno FOTO foto

Sala dei Teatini gremita, nella mattinata di oggi (venerdì 10 ottobre), per il convegno "Le aree industriali - sostenibilità e competitività" promosso da Enea e l’Ordine degli architetti PPC di Piacenza

Più informazioni su

Sala dei Teatini gremita, nella mattinata di oggi (venerdì 10 ottobre), per il convegno “Le aree industriali – sostenibilità e competitività” promosso da Enea e l’Ordine degli architetti PPC di Piacenza. GUARDA IL FOTOSERVIZIO

“Come ordine abbiamo accolto l’invito fatto da Enea – ha spiegato Giuseppe Baracchi, presidente dell’Ordine degli architetti di Piacenza – che ci ha proposto questa iniziativa. Il convegno rientra in uno schema molto piú amplio che é partito il giorno del Festival del Diritto quando si parlo di urbanistica”. Il riuso é uno dei temi fondamentali dell’architettura contemporanea. “Cercheremo di focalizzare il punto della eco-sostenibilità – ha evidenziato. Tra gli altri temi le aree militari, demaniali. “Tutti quei contenitori – ha aggiunto – che possono interessare la riqualificazione della città”.

“Enea – ha detto Alberto Fermi per l’azienda – ha scelto Piacenza a conclusione del progetto europeo Eco-SCP-MEd”. Il progetto si propone di fornire strumenti e metodi per rendere piú sostenibile l’intera filiera dei principali prodotti e servizi dell’area del Mediterraneo. “Credo sia un’occasione di qualche significato – ha evidenziato – che crea un ponte tra la nostra città ed Enea”. “Forte il confronto con altre realtà del nostro Paese – ha detto entrando nello specifico del convegno – ed anche una tavola rotonda con voci sia piacentine che non”. Presenti, infatti, Francesco Silvestri (eco e eco Economia ed ecologia) e Andrea Colzani (Amministratore Delegato di Ikea Italia Distribution).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.