Quantcast

Mercato immobiliare, parte da Piacenza la nuova stagione

Piacenza, recentemente, è stata teatro del Convegno della Confedilizia che ha dato, di fatto, il via ad una nuova stagione del mercato immobiliare, puntando sulla chiarezza legata all’ambito fiscale.

Più informazioni su

Il mercato immobiliare è uno dei settori sui quali il mix di crisi economica e tassazioni incide in maniera significativa sui bilanci, delineando una situazione in cui si trovano città che riescono a mantenere un bilancio attivo sulla vendita degli immobili e altre che risentono in maniera maggiore dei numeri negativi prodotti dalla situazione economica nazionale. Piacenza, recentemente, è stata teatro del Convegno della Confedilizia che ha dato, di fatto, il via ad una nuova stagione del mercato immobiliare, puntando sulla chiarezza legata all’ambito fiscale.

La richiesta emersa dal convegno punta ad una tassazione mirata a colpire la reale capacità contributiva delle imprese, in maniera differente dal modus operandi attuale, in cui vengono colpiti dalle tasse anche immobili inagibili o impossibilitati nell’affitto. Il fatto che il convegno si sia svolto a Piacenza mette, anche, in luce i problemi della città, che negli ultimi dieci anni ha visto un calo delle autorizzazioni per la realizzazione di nuove costruzioni immobiliari pari all’86%, portando, di fatto, anche un calo direttamente proporzionale nella vendita degli edifici nel piacentino.

La percentuale si distacca in negativo dal resto d’Italia, comunque alle prese con un netto calo nelle vendite di edifici immobiliari, con alcune eccezioni in mete che riescono, sfruttando anche la posizione geografica strategica, a mantenere percentuali positive nel mercato immobiliare. Di recente, a riguardo, il portale www.prestigeinternational.it, specializzato nel settore immobiliare, ha fornito una serie di indicazioni in cui sono state rese note le città in cui la vendita immobiliare si mantiene su livelli positivi, dalle quali si evince come le città del Nord riescano a gestire meglio la situazione, come nel caso di Milano, Treviso e Venezia, che sfruttano meglio le risorse del mercato immobiliare.

Il capoluogo veneto, in particolare, riesce a sfatare il mito di città cara in cui vivere, mettendo a disposizione abitazioni e appartamenti che movimentano positivamente l’andamento del mercato. Inoltre, dalle indicazioni fornite dal portale sopraindicato, la sua sezione www.prestigeinternational.it/sedi/venezia/palazzi dedicata ai palazzi veneziani ha visto un incremento di visite, che dimostrano il grande e crescente interesse verso i palazzi della città lagunare, forte di un fascino inimitabile con la presenza della laguna e delle bellezze artistiche della città. I dati sulle vendite immobiliari nel territorio italiano indicano anche la capitale Roma come città più attiva nel centro Italia nel settore, sfruttando l’ambiente capitolino che attrae chi necessita di acquistare un domicilio, al pari dei turisti che scelgono Roma come meta per le proprie vacanze. Il Sud Italia, invece, mostra più segnali di sofferenza verso il settore, per via di una maggior esposizione alla crisi economica che ha prodotto una netta flessione nella compravendita immobiliare.

Il Convegno della Confedilizia svoltosi a Piacenza lancia, quindi, una richiesta di fiducia, che i cittadini devono ritrovare nelle istituzioni, al fine di guardare con più ottimismo per il futuro, aprendosi più volentieri anche a settori che comportano spese importanti, come il mercato immobiliare, che solo con una ripresa dell’economia può uscire da una situazione stagnante, riportando le varie città italiane al pari delle mete come Milano, Venezia e Roma, dove la compravendita degli immobili riesce ancora a produrre utili nei bilanci comunali e delle imprese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.