Quantcast

Nuove disposizioni sui luoghi di cultura statali, Piacenza all’incontro Anci

Oggetto dell’assemblea indetta dall’Associazione dei Comuni italiani proprio l’estensione delle nuove modalità operative anche ai musei civici.

Più informazioni su

Anche l’assessore alla Cultura Tiziana Albasi ha preso parte, oggi a Roma, all’incontro convocato dal presidente dell’Anci Piero Fassino, su indicazione del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, alla luce delle nuove disposizioni relative all’apertura di musei, monumenti ed aree archeologiche statali, che dal luglio scorso hanno fatto registrate significativi incrementi di visitatori nei luoghi della cultura. Oggetto dell’assemblea indetta dall’Associazione dei Comuni italiani, l’estensione delle nuove modalità operative anche ai musei civici.

“L’idea – riporta Tiziana Albasi – nasce dalla volontà di valorizzare e promuovere verso un pubblico più ampio la ricchezza del patrimonio culturale diffuso in tante città del nostro Paese, elevando nel contempo la qualità dell’offerta museale mediante l’adozione di strumenti e pratiche innovativi, a partire da servizi tecnologici in grado di aumentare le possibilità di fruizione da parte degli utenti. Rendere i musei spazi di cultura più aperti, accoglienti e all’avanguardia, per sperimentare, partendo dal loro importante patrimonio, un nuovo modo di presentare eccellenze storico-artistiche dei territori è stata la questione su cui gli assessori alla Cultura presenti hanno manifestato un interesse e una disponibilità al confronto che potranno trasformarsi in azioni efficaci grazie al gruppo di lavoro costituitosi tra Ministero e Anci, come da Protocollo siglato a Roma il 24 luglio scorso”.

“Dall’incontro odierno – aggiunge l’assessore Albasi – è emersa la richiesta di Anci ai Comuni di procedere ad una ricognizione della “consistenza” del patrimonio culturale custodito dal museo, del numero di frequentatori, dei servizi rivolti ai cittadini. L’obiettivo dovrebbe essere quello di avviare una sperimentazione in dieci realtà nazionali con un’offerta museale uniformata, mediante una modalità di valorizzazione significativa, in parte già accolta e messa in pratica anche dal nostro territorio, con la consapevolezza che lo sviluppo di politiche culturali e turistiche integrate richiedono tuttavia un confronto diretto tra Anci, Regioni, Mibact ed Enit”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.