Quantcast

Omicidio al ristorante cinese. A Genova fermato 25enne foto

Fermato a Genova quello che, secondo le indagini della polizia, sembra essere il principale accusato dell’omicidio avvenuto nel ristorante SushiWok, dove nel tardi pomeriggio di ieri un cuoco è stato accoltellato. 

Più informazioni su

AGGIORNAMENTO – Ha fatto importanti ammissioni circa la sua responsabilita’ nell’omicidio del cuoco del ristorante cinese Sushi Wok, avvenuto ieri pomeriggio a Piacenza, il cittadino cinese di 25 anni fermato dalla polizia a Genova. E’ quanto si apprende da fonti della questura del capoluogo ligure.

Il cuoco, un 53enne connazionale del giovane rintracciato a Genova, era stato trovato senza vita, con un grosso coltello conficcato nella schiena, all’interno del locale in cui lavorava da pochi giorni anche il presunto assassino. Gli investigatori delle squadre mobili di Genova e di Piacenza hanno fermato il 25enne in piazza Gaggero, nel quartiere genovese di Voltri, mentre stava uscendo da un negozio di telefonia dove aveva appena acquistato una sim card. Nelle sue tasche sono state rinvenute le chiavi di una Fiat Punto. Ora si attende la convalida del fermo da parte della magistratura. (ASCA)

AGGIORNAMENTO 2 ottobre – E’ stato stato fermato a Genova quello che, secondo le indagini della polizia, sembra essere il principale accusato dell’omicidio avvenuto nel ristorante SushiWok, dove nel tardi pomeriggio di ieri un cuoco è stato accoltellato. Sembra essere ufficiale che l’indiziato è uno dei dipendenti, da pochi giorni arrivato a Piacenza. 

Gli agenti della squadra Mobile genovese, insieme con i colleghi di Piacenza, hanno arrestato il giovane cinese, a Cornigliano: è stato interrogato dagli inquirenti. Pare che abbia raggiunto il capoluogo ligure per cercare ospitalità da alcuni amici o parenti. 

L’indiziato era addetto alla preparazione del sushi, noto piatto giapponese, da cui aveva mutuato il soprannome. E proprio uno dei coltelli utilizzati nella sua preparazione sembra essere l’arma del delitto. Nella notte intanto si sono verificati momenti di tensione all’interno della comunità cinese. 

L’OMICIDIO – Tragico episodio di sangue nel pomeriggio del primo di ottobre a Piacenza. Un uomo è morto in seguito ad un accoltellamento in via Passerini. Si tratta di un cuoco di nazionalità cinese del ristorante Sushi Wok, il 53enne Zu Waiting.

Quanto al possibile omicida, le indagini degli inquirenti si stanno concentrando su una persona, cameriere nello stesso ristorante, che al momento risulta irreperibile.

Secondo quanto ha riferito un testimone, il corpo della vittima è stato trovato intorno alle 17,30 dai dipendenti del ristorante asiatico, giunti per iniziare il turno serale. 

Non si conoscerebbero dunque l’ora esatta e le circostanze del delitto. Scoperto il corpo in cucina, con una coltellata nella schiena, fra le scapole, i dipendenti si sono riversati in strada chiedendo aiuto. Sono così giunti i soccorsi e le forze dell’ordine. I vicini non avrebbero avvertito nulla nel corso del pomeriggio e anche la cucina del ristorante sarebbe stata trovata in ordine.

Sul posto la polizia con la scientifica per compiere i rilievi, presente anche il sostituto procuratore Emilio Pisante. In questura sono state condotte una decina di persone per essere ascoltate.

Delitto cuoco Cinese: Polledri “triste episodio, la comunità cinese ora collabori per la legalità”

Non sappiamo i motivi del fatto di sangue gravissimo che ha colpito per l’ennesima volta Piacenza-afferma Massimo Polledri, già Deputato leghista in una nota, ma colpisce che provenga da una comunità che ha sempre evitato clamori e gestito, nelle bene e nel male autonomamente l’esistenza della Comunità.
Ora, visto il grado di controllo che ha sempre contraddistinto la comunità cinese ci attendiamo la massima collaborazione per capire i motivi, distinguendo fattori economici personali o passionali da altri cheti rifanno alla criminalità organizzata-conclude Polledri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.