Quantcast

Provincia, Francesco Rolleri è presidente. Il nuovo consiglio foto

Rolleri, sindaco di Vigolzone, ha ottenuto il consenso di 301 amministratori piacentini su 507. Il voto, ponderato sulla base della popolazione dei singoli comuni, corrisponde al 56% del totale degli elettori

Più informazioni su

E’ Francesco Rolleri il nuovo presidente della provincia di Piacenza. Rolleri, sindaco di Vigolzone, ha ottenuto il consenso di 301 amministratori piacentini su 507. Il voto, ponderato sulla base della popolazione dei singoli comuni, corrisponde al 56% del totale degli elettori. 

“Sono molto contento dei risultati – ha spiegato il neo eletto -. Sono tutti volti che ci aspettavamo, rispecchiano lo schieramento del centro sinistra matematicamente”. “La tenuta del centro sinistra mi da molta fiducia – ha aggiunto – e molti stimoli per il futuro”. Ancora: “Questa votazione ha un’importanza non solo dal punto di vista amministrativo. Ha un’importanza politica. La aspettavamo con ansia e la soddisfazione è forte”.

“I primi 100 giorni – ha detto evidenziando gli obiettivi per il prossimo futuro – dovranno essere concordati con tutte le persone che andranno a determinarne il risultato. Quindi i sindaci, i consiglieri che saranno all’interno del consiglio, i lavoratori ed i dipendenti della Provincia. L’appello agli altri sindaci è di starci vicino perché il loro contributo è indispensabile”.

Rolleri manterrà l’incarico di sindaco di Vigolzone, come prevede la recente normativa.

Secondo le prime stime, non ufficiali, i consiglieri sono così ripartiti: 6 a Piacenza Provincia Unita (Dosi, Quintavalla, Calza, Castelli, Perrucci e Piva), 2 a Piacentini per il nostro futuro (Bertolini e Bursi) e 2 ai Popolari Piacentini (Zanardi e Galvani). Passaggio di consegne domani, amrtedì 14 ottobre, alle 15, e sarà sempre necessario aspettare domani per avere i dati definitivi.

Jonathan Papamarenghi per Fi – Popolari Piacentini commenta il risultato delle elezioni. “Sicuramente visti i numeri sulla carta, e’ andata molto bene, c’era chi diceva che la composizione di questo consiglio sarebbe stata di addirittura 8 consiglieri a 2, con una netta maggioranza del centrosinistra. Invece spirito collaborativo che si invoca per quanto riguarda la nuova Provincia andrà avanti grazie al centrodestra, che può contare su ben 4 consiglieri. Ringrazio chi si è speso per questa elezione, che noi vediamo come un risultato molto positivo”.

Loris Caragnano coordinatore enti locali del Pd: “Il dato fondamentale e’ che il risultato con in quale Francesco Rolleri e’ stato eletto ne dimostra tutta l’autorevolezza come presidente della Provincia. In merito a queste elezioni, il nostro partito non può dire di avere avuto sorprese: noi abbiamo investito molto sui sindaci, tutti hanno avuto la possibilità di giocarsela. Possiamo dire che sull’esito finale e’ stato il capoluogo a pesare, le defezioni hanno avuto un effetto. Per il futuro, chi partecipare dovrà lavorare per far partecipare gli amministratori del proprio territorio. A tutti rivolgiamo l’augurio di fare un buon lavoro sul territorio”.

Tutti i presidenti eletti in Emilia Romagna sono del Pd. Virginio Merola è il presidente del consiglio della Città metropolitana, Bologna, organismo che, di fatto, sostituisce la provincia. Gian Carlo Muzzarelli guiderà la provincia di Modena, Andrea Gnassi quella di Rimini, Davide Drei quella di Forlì-Cesena, Tiziano Tagliani di Ferrara. Sono tutti sindaci delle città capoluogo.

Presidente della provincia di Reggio Emilia è Giammaria Manghi (sindaco di Poviglio) e di Parma è Filippo Fritelli (sindaco di Salsomaggiore). A Ravenna non si è votato: rimarrà in carica l’attuale giunta, guidata da Claudio Casadio, sino al 2016.

Il Partito Democratico di Piacenza saluta con estrema soddisfazione l’elezione di Francesco Rolleri a nuovo presidente della Provincia.

I risultati maturati alle urne confermano l’unità dello schieramento di centrosinistra e la bontà di un percorso, coraggioso e innovativo, individuato dal partito per scegliere il candidato presidente e i consiglieri. Rolleri è la persona con il profilo adatto a condurre in porto i nostri progetti amministrativi in un quadro istituzionale assai mutato rispetto al recente passato.

A Rolleri, a tutti i consiglieri eletti, al Pd e al centrosinistra tocca ora un compito importante e arduo che – ne siamo certi – verrà assolto con la preparazione tipica di ogni amministrazione del centrosinistra. Sarà un compito gravoso per il quale sarà necessario l’impegno di tutte le componenti: sindaci, amministratori, cittadini. Al nuovo Presidente e al nuovo Consiglio l’augurio di un proficuo e sereno lavoro.

LE PRIME DICHIARAZIONI DI ROLLERI

“Sono molto soddisfatto dell’elezione e anche dei risultati. Anche nella condizione attuale, non era un risultato scontato. Queste elezioni potevano prestarsi anche a diverse interpretazioni. Questo esito mi stimola ulteriormente a iniziare questo impegno con grande entusiasmo”.

“Tutti gli interventi e i programmi dovranno essere concordati con tutti i sindaci e i consiglieri che comporranno il nuovo Consiglio. L’appello che rivolgo a tutti gli amministratori del territorio è quello di lavorare insieme.  Fondamentali saranno anche le motivazioni dei collaboratori e dei dipendenti dell’ente. In vista di Expo 2015 una delle priorità sarà quella delle strade. Dovremo farci trovare pronti”.

LE DICHIARAZIONI DI LORIS CARAGNANO, RESPONSABILE ENTI LOCALI PD

“Il dato fondamentale è che il presidente Rolleri è stato votato da oltre il 60% di chi ha espresso il voto, quindi una presidenza autorevole. Fondamentale anche sottolineare che ha espresso il voto a Rolleri un numero di amministratori che rappresenta quasi il 56% dei cittadini che abitano nella nostra provincia. Con questi numeri Rolleri è il presidente di larga maggioranza. Di lavoro ora ce ne sarà per tutti, sia per i consiglieri sia per i sindaci dell’assemblea”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.