Quantcast

“Una casa alle giovani coppie”, dalla Regione contributi per 94mila euro

Edilizia, più che raddoppiate le risorse messe a disposizione dalla Regione per finanziare il nono bando "Una casa alle giovani coppie e altri nuclei familiari": 15,3 milioni di euro circa per 543 richieste di contributo risultate ammissibili. Il 53% dei beneficiari nei Comuni terremotati

Più informazioni su

Sono 543 le richieste di contributo – risultate ammissibili – presentate da giovani coppie e altri nuclei familiari, di cui 288 residenti in Comuni colpiti dal sisma del 2012 e 255 in altri Comuni dell’Emilia-Romagna (rispettivamente il 53% e il 47%).

E’ in sintesi l’esito, deliberato dalla giunta nell’ultima seduta, del nono bando “Una casa alle giovani coppie e altri nuclei familiari” (pubblicato nel mese di febbraio 2014) con cui la Regione Emilia-Romagna aveva messo a disposizione 7 milioni di euro per l’acquisto dell’abitazione. Una cifra, questa, che avrebbe consentito di finanziare solo una parte delle richieste di contributo ritenute ammissibili. La giunta si è impegnata a reperire ulteriori fondi (più di 8 milioni di euro) che hanno portato a un ammontare complessivo di 15.294.000 euro, consentendo così di soddisfare tutte le richieste di contributo ammissibili.

A Piacenza sono stati erogati contributi per 94.000 euro per l’acquisto di 4 alloggi. Il totale dei contributi elargiti in 10 bandi, per acquistare 32 alloggi, è stato di 637.000 euro.?

Sino a oggi il programma “Una casa alle giovani coppie e altri nuclei familiari”, avviato nel 2009, ha permesso a 1142 nuclei di diventare proprietari della prima casa, messa a disposizione da cooperative e imprese, con un contributo complessivo della Regione di 24 milioni euro. Con quest’ultimo bando salgono a 1685 le coppie e le famiglie che possono beneficiare del contributo per l’acquisto, per un totale complessivo di 38,6 milioni di euro circa assegnati. Oltre alla valenza sociale, il programma regionale ha rappresentato e rappresenta un contributo significativo per l’edilizia e le costruzioni, settori che hanno risentito fortemente della crisi, favorendo un recupero del patrimonio esistente e contenendo al tempo stesso il consumo del suolo.

SCARICA LA TABELLA CON I CONTRIBUTI

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.