Quantcast

Castellarquato, servizio nido. Confcooperative: “Soddisfatti dall’ordinanza Tar”

Confcooperative Piacenza esprime grande soddisfazione per la recentissima ordinanza con cui il Tar di Parma ha respinto il ricorso presentato da una ditta esclusa da un appalto pubblico nel territorio piacentino per aver offerto un prezzo al di sotto delle soglie minime previste

Più informazioni su

Confcooperative Piacenza esprime grande soddisfazione per la recentissima ordinanza con cui il Tar di Parma ha respinto il ricorso presentato da una ditta esclusa da un appalto pubblico nel territorio piacentino per aver offerto un prezzo al di sotto delle soglie minime previste dalle tabelle ministeriali relative al costo del lavoro. L’atto è stato depositato lo scorso venerdì presso la segreteria del Tribunale amministrativo.

L’ordinanza prende le mosse dall’esito della procedura di affidamento del nuovo servizio di nido d’infanzia promossa dal comune di Castell’Arquato: ritenuta una delle offerte economiche pervenute non allineata con le previsioni del contratto collettivo di lavoro del settore, l’amministrazione appaltante ha ritenuto di procedere con l’esclusione del proponente per l’anomalia dell’offerta presentata. A fronte del successivo ricorso presentato dalla ditta esclusa, una cooperativa avente sede legale fuori provincia, il Tar di Parma ha stabilito ora la legittimità di tale estromissione.

L’ordinanza del Tar è un segnale importante che va nella direzione di promuovere una sempre maggiore legalità all’interno dei contratti di appalto pubblici. Un plauso quindi al Comune di Castell’Arquato che operando con scrupolo e diligenza ha ritenuto di escludere dalla gara l’offerta non conforme e che ora vede riconosciute le proprie ragioni. L’auspicio è che tale comportamento possa essere un esempio virtuoso anche per le altre amministrazioni del territorio.

La condotta tenuta dall’amministrazione di Castell’Arquato è un segno evidente che ci si può opporre ad una prassi che per contrastare la ristrettezza delle risorse orienta le amministrazioni appaltanti verso affidamenti di servizi al massimo ribasso o comunque volti al contenimento dei costi. Una pratica che in particolare in un settore delicato come quello dei servizi alla persona compromette inevitabilmente la qualità dei servizi e del lavoro degli operatori, a discapito dei lavoratori stessi e dei cittadini che usufruiscono di tali servizi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.