Debutta con Branciaroli e il suo “Enrico IV” la stagione di prosa 

Con l’atteso ritorno di Franco Branciaroli a Piacenza si inaugura la Stagione di Prosa 2014/2015 “Tre per Te” del Teatro Municipale di Piacenza, la dodicesima organizzata da Teatro Gioco Vita con la direzione artistica di Diego Maj. Appuntamento, per cui si attende il tutto esaurito, lunedì 10 e martedì 11 novembre alle ore 21 con “Enrico IV” di Luigi Pirandello, regia di Franco Branciaroli, spettacolo inserito nel cartellone prosa della Stagione proposta dal Teatro Stabile di Innovazione con la Fondazione Teatri, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Cariparma, Iren. 

Con l’atteso ritorno di Franco Branciaroli a Piacenza si inaugura la Stagione di Prosa 2014/2015 “Tre per Te” del Teatro Municipale di Piacenza, la dodicesima organizzata da Teatro Gioco Vita con la direzione artistica di Diego Maj. Appuntamento, per cui si attende il tutto esaurito, stasera lunedì 10 e domani martedì 11 novembre alle ore 21 con “Enrico IV” di Luigi Pirandello, regia di Franco Branciaroli, spettacolo inserito nel cartellone prosa della Stagione proposta dal Teatro Stabile di Innovazione con la Fondazione Teatri, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Cariparma, Iren.

Dopo i recenti successi ottenuti con “Servo di scena” (applaudito al Municipale di Piacenza nella stagione di prosa 2011/2012), “Il Teatrante” e “Don Chisciotte”, Branciaroli continua la sua indagine sui grandi personag-gi del teatro portando sulla scena l’“Enrico IV”, dramma in 3 atti di Pirandello, scritto nel 1921 e rappresentato per la prima volta il 24 febbraio 1922 al Teatro Manzoni di Milano. Con Franco Branciaroli, che dello spettacolo è anche regista oltre che protagonista, sono in scena Melania Giglio, Giorgio Lanza e Antonio Zanoletti. Scene e costumi sono di Margherita Palli, le luci di Gigi Saccomandi.

Lo spettacolo è prodotto da CTB Teatro Stabile di Brescia e Teatro de Gli Incamminati. Considerato il capolavoro teatrale di Pirandello insieme a “Sei personaggi in cerca di autore”, “Enrico IV” è uno studio sul significato della pazzia e sul tema caro all’autore del rapporto, complesso e alla fine inestricabile, tra personaggio e uomo, finzione e verità. Enrico IV è vittima non solo della follia, prima vera poi cosciente, ma dell’impossibilità di adeguarsi a una realtà che non gli si confà più stritolato nel modo di intendere la vita di chi gli sta intorno e sceglie quindi di “interpretare” il ruolo fisso del pazzo. In una lettera che Pirandello scrive a Ruggero Ruggeri – uno degli attori più noti dell’epoca – il drammaturgo agrigentino dopo avergli raccontato la trama, conclude dicendogli che vede in lui il solo attore in grado d’interpretare e dare corpo e anima al ruolo del titolo. Scrive infatti: «Circa vent’anni addietro, alcuni giovani signori e signore dell’aristocrazia pensarono di fare per loro diletto, in tempo di carnevale, una “cavalcata in costume” in una villa patrizia: ciascuno di quei signori s’era scelto un personaggio storico, re o principe, da figurare con la sua dama accanto, regina o principessa, sul cavallo bardato secondo i costumi dell’epoca.

Uno di questi signori s’era scelto il personaggio di Enrico IV; e per rappresentarlo il meglio possibile, s’era dato la pena e il tormento d’uno studio intensissimo, minuzioso e preciso, che lo aveva per circa un mese ossessionato. (…) Senza falsa modestia, l’argomento mi pare degno di Lei e della potenza della Sua arte». Il personaggio di Enrico IV, del quale magistralmente non ci viene mai svelato il vero nome, quasi a fissarlo nella sua identità fittizia, è descritto minuziosamente da Pirandello. Enrico è vittima non solo della follia, prima vera poi cosciente, ma dell’impossibilità di adeguarsi ad una realtà che non gli si confà più, stritolato nel modo di intendere la vita di chi gli sta intorno e sceglie quindi di “interpretare” il ruolo fisso del pazzo.

Presente nel foyer del Teatro Municipale la Fondazione AVSI per promuovere la campagna “Su il sipario per i bambini della Little Prince” per la costruzione di una scuola di teatro in Kenya
che sarà intitolata ad Emanuele Banterle, noto regista

Le repliche di “Enrico IV” sostengono la campagna della Fondazione Avsi. “Su il sipario per i bambini della Little Prince” è infatti il titolo dell’iniziativa portata avanti nei teatri d’Italia da Franco Branciaroli e dalla sua compagnia, Il Teatro de Gli Incamminati, con Fondazione AVSI per una raccolta fondi a favore di una scuola di teatro dedicata al regista Emanuele Banterle, all’interno dell’istituto scolastico Little Prince costruito da Avsi nel cuore di Kibera, uno dei più grandi slum del mondo, a Nairobi in Kenya. Tutti gli spettatori potranno partecipare a #Incamminati4avsi e donare: con 10 euro i tessuti per i costumi di scena, con 50 euro i laboratori di teatro, con 100 euro un corso di recitazione ad una classe di bambini della scuola (www.avsi.org).
In occasione della programmazione di “Enrico IV” al Teatro Municipale nell’ambito della Stagione di Prosa 2014/2015 “Tre per Te” organizzata da Teatro Gioco Vita e Fondazione Teatri di Piacenza, la Fondazione AVSI sarà presente con un banchetto nel foyer del teatro per promuovere la campagna e per informare il pubblico piacentino sull’iniziativa.

Per scaricare la foto relativa campagna di raccolta fondi #Incamminati4avsi:
https://www.dropbox.com/s/zdlgbaa9n1gzw5y/AVSI%20KENYA%20Porzia%20%2821%29.jpg?dl=0

PREZZI Platea € 28 (intero) € 24 (ridotto) € 16 (possessori family card) Posto Palco € 26 (intero) € 22 (ridotto) € 14 (possessori family card) Ingresso palchi/galleria € 16 (intero) € 14 (ridotto) Galleria numerata € 21 (intero) € 19 (ridotto) € 13 (possessori family card) Loggione numerato € 13 (intero) € 11 (ridotto) € 4 Ingresso loggione € 8 (possessori family card) Studenti € 13 (posto unico in galleria) € 4 (possessori family card) Last minute € 15 (platea e posto palco), € 11 (galleria), € 4 (loggione)

INFO E BIGLIETTERIA TEATRO GIOCO VITA, Via San Siro 9, Piacenza – Telefono 0523.315578 – biglietteria@teatrogiocovita.it Orari di apertura: dal martedì al venerdì ore 15-18; sabato ore 10-13. Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 19 (Teatro Municipale, via Verdi 41, tel. 0523.492251). Per informazioni: Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione, Biglietteria 0523.315578 – Uffici 0523.332613.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.