Quantcast

Elezioni, Bruschini (L’altra E-R) “Un anno di inserimento professionale retribuito per i giovani”

"Garantiamo un anno di inserimento professionale retribuito a tutti i giovani emiliani" - comunicato stampa di Manuela Bruschini, candidata consigliere regionale per L'altra Emilia Romagna 

“Garantiamo un anno di inserimento professionale retribuito a tutti i giovani emiliani” – comunicato stampa di Manuela Bruschini, candidata consigliere regionale per L’altra Emilia Romagna 
 
In drammatico aumento in tutto Italia, il fenomeno dei giovani definiti NEET (giovani che ne studiano, ne lavorano, ne stanno cercando un lavoro) è una drammatica realtà anche in Emilia Romagna. I dati del programma europeo   ‘Garanzia Giovani’  disegnano un quadro preoccupante: nel 2013 erano 112 mila in Emilia-Romagna i giovani inattivi, non più inseriti in un percorso scolastico/formativo e neppure impegnati in un’attività professionale; nel 2007 essi rappresentavano il 9,6% della corrispondente popolazione residente compresa tra i 15 e i 29 anni, mentre nel 2013 erano diventati il 18,8%. Il fenomeno è segnalato in ulteriore crescita per l’anno 2014. 
Di fronte a questi dati, l’impegno profuso finora dalla Regione Emilia Romagna (circa 500.000 euro per l’anno in corso, che vanno ad aggiungersi ad altrettanti fondi erogati dal programma europeo Garanzia Giovani per un totale di circa un milione di euro) deve evidentemente rafforzarsi enormemente. Non possiamo permettere che in una regione come la nostra più di centomila giovani siano talmente scoraggiati e privi di speranza da non tentare nemmeno di costruirsi un futuro sociale e professionale. Ne va del nostro futuro. Se non sosteniamo il diritto dei più giovani a trovare una propria strada, una giusta collocazione nella società emiliano-romagnola, la nostra forza di regione coesa e ricca di cultura e competenze oltrechè di risorse economiche è finita. La Regione Emilia Romagna deve pertanto impegnarsi da subito  per garantire l’avvio di migliaia di progetti di tirocinio/inserimento professionale retribuiti, destinando risorse molto maggiori
delle attuali al servizio civile regionale ed ai progetti di inserimento. Il nostro obiettivo è che tutti i giovani emiliani che oggi sono bollati con l’etichetta di ‘Neet’ abbiano la possibilità di sperimentarsi in un contesto professionale di loro scelta per un anno, con la retribuzione mensile generalmente prevista per il servizio civile, ed accedendo contemporaneamente a percorsi di formazione mirata. Un anno di seppur parziale retribuzione, ma soprattutto un anno in cui potersi sentire parte di un tessuto sociale e lavorativo, imparando cose nuove e dimostrando la propria competenza, può fare la differenza per tanti giovani emiliani. Per fare questo servono moltissime risorse economiche, almeno venti volte quelle attualmente stanziate tanto per iniziare. Questa è però la spesa più urgente per la nostra Regione: investiamo sul futuro dei nostri ragazzi, e iniziamo a reperire le risorse necessarie tagliando i costi dell’assemblea legislativa e
della giunta regionale. Meno missioni, indennizzi, emolumenti per la politica, e più fondi per chi ne ha realmente bisogno. E’ questa la regione per cui la lista l’Altra Emilia Romagna si sta mettendo in gioco.
 
Manuela Bruschini
candidata per la lista L’altra Emilia Romagna – collegio di Piacenza” 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.