Quantcast

Elezioni, Mori (Sel) “Ecco il Welfare che vogliamo”

Intervento di Giuseppe Mori, candidato al consiglio regionale per Sel Piacenza 

Intervento di Giuseppe Mori, candidato al consiglio regionale per Sel Piacenza 

Il Welfare che vogliamo
 
Anche una Regione come la nostra, sempre all’avanguardia nella lotta alle diseguaglianze sociali, vede aumentare la povertà e il fenomeno dei “working poor”. Occorre irrobustire il welfare, a partire dalla sperimentazione del reddito minimo garantito per precari, intermittenti e disoccupati, sul quale è già presente una nostra proposta di legge.
 
Se la centralità degli interventi non può che essere rivolta alla creazione di lavoro, non si può ignorare che differenti forme di povertà e di esclusione, che purtroppo riguardano anche quote elevate di giovani, sono in aumento. È necessario quindi aprire una riflessione sui criteri coi quali abbiamo costruito l’accesso al welfare, ridefinire le priorità e indirizzare le risorse. Perciò proponiamo che la Regione sperimenti il reddito minimo garantito, con una parte in soldi e una parte in accesso ai servizi. Inoltre dobbiamo dotarci di un fondo di garanzia per i cassintegrati che permetta loro di accedere al credito bancario in attesa della corresponsione della cassa integrazione.
 
infine non possiamo dimenticare le problematiche sulla Non Autosufficienza, dando vero sostegno alle famiglie sia in forma di servizi ma anche in forma di risorse e impegnando il prossimo consiglio  regionale e la giunta alla richiesta al parlamento di aggiornare il nomenclatore farmaceutico, unico strumento attraverso il quale si erogano i presidi necessari ai cittadini, quali carrozzine, pannoloni, ortesi, protesi etc e che non viene aggiornato ormai da 15 anni circa.
 
Giuseppe Mori candidato SEL Piacenza

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.