Quantcast

Il presidente della Regione Bonaccini venerdì a Gragnano

Stefano Bonaccini sceglie Piacenza per la sua prima visita sul territorio dopo le elezioni regionali. Venerdì 28 sarà a Gragnano per l’inaugurazione dell’impianto di teleriscaldamento alimentato a biomasse. Per la sua prima visita sul territorio dopo l’elezione a Presidente della Regione, Stefano Bonaccini ha scelto Piacenza. 

Stefano Bonaccini sceglie Piacenza per la sua prima visita sul territorio dopo le elezioni regionali. Venerdì 28 sarà a Gragnano per l’inaugurazione dell’impianto di teleriscaldamento alimentato a biomasse. Bonaccini ha dato alcune indicazioni sui tempi di composizione della nuova giunta, affermando di voler fare in fretta.

Nella giornata di venerdì 28 novembre sarà a Gragnano Trebbiense, alle ore 11, per partecipare alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto di teleriscaldamento alimentato da centrale termica a biomasse posta al servizio delle scuole del paese, del municipio e del centro culturale. “Avevo invitato Bonaccini nel corso della tappa piacentina della sua campagna elettorale e subito mi aveva dato la sua disponibilità, confermata dopo l’esito del voto”, spiega la prima cittadina Patrizia Calza.

“E’ rimasto fedele alla promessa e sono felice che abbia scelto Piacenza per avviare simbolicamente il suo mandato: la sua presenza è importante per far sentire tutti i territori sullo stesso piano, pienamente partecipi del sistema regionale”. Il presidente della Regione arriverà a Gragnano alle 11 dove, al centro culturale, il sindaco saluterà i presenti insieme al presidente della Provincia Francesco Rolleri. La parola passerà quindi all’ingegner Franco Morini di Siram, la ditta che curato lo svolgimento dei lavori, e all’architetto Maria Luisa Bargossi, dirigente regionale.

Il sistema di teleriscaldamento, che ha comportato un investimento complessivo di 640 mila euro, è l’unico di questo genere finanziato nella nostra provincia dalla Regione Emilia-Romagna con 350 mila euro del Piano di sviluppo rurale. Una somma a cui si sono aggiunti 190 mila euro di mutui residui comunali ed una preziosa donazione di 100 mila euro da parte un imprenditore locale, Giovanni Antonio Locatelli. Dopo alcuni interventi di approfondimento tecnico, normativo di descrizione dell’opera, l’inaugurazione si concluderà con la visita all’impianto ed una dimostrazione pratica del suo funzionamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.