“L’ospedale cresce con i noi”, al via la seconda fase del progetto foto

Prosegue il progetto "L’ospedale cresce con noi". Al Campus Arata del Politecnico di Piacenza è stato presentato il concorso per studenti per un ospedale a misura di bambini, mamme, ragazzi, iniziativa mirata a rendere sempre piú accogliente il luogo di cura.

Più informazioni su

Prosegue il progetto “L’ospedale cresce con noi”. Al Campus Arata del Politecnico di Piacenza è stato presentato il concorso per studenti per un ospedale a misura di bambini, mamme, ragazzi, iniziativa mirata a rendere sempre piú accogliente il luogo di cura.
 
Dopo la fine della prima fase (ovvero l’immaginazione da parte dei bambini e ragazzi delle scuole di Piacenza e provincia, dell’ospedale dei loro sogni) inizierà la seconda (la progettazione degli spazi da parte degli studenti del Politecnico). Terza fase sarà la realizzazione, da parte dell’associazione Il Pellicano Onlus, grazie alla generosità dei donatori.
 
“I veri protagonisti siete voi – ha detto Maria Grazia Spezia dell’Associazione Il Pellicano ai bambini che hanno elaborato alcune opere a tema – Ci avete fatto capire cosa vorreste nei caso di ricovero di ospedale. Ora spetta ad altri studenti, piú grandi, progettare, partendo dai vostri lavori, dai vostri desideri. Poi spetterà a noi trovare i soldi per realizzarli, metterli in pratica”.
 
La parola é passata, poi ad Andrea Bianchi, direttore generale dell’Ausl di Piacenza. “Sono emozionato vedendo un passaggio di testimone tra giovanissimi e giovani. Se andiamo a leggere la storia dell’architettura sanitaria non é cosí scontato un progetto di architettura partecipata”. Gli esempi sono da ritrovarsi, in particolar modo, nel nord Europa. “Rinnovando parte del nostro ospedale abbiamo voluto interpellare bambini, che hanno espresso con chiarezza le loro idee, e giovani architetti”. Camere assomiglianti, il piú possibile a quelle di casa loro, con arredi adatti, wi-Fi, veduta all’esterno.
 
Presente il primario del reparto di pediatria, Giacomo Biasucci, reparto al centro del concorso. “I progetti – ha detto Stefano Stabellini, docente di architettura – degli studenti del Politecnico di Milano dovranno essere consegnati entro la fine di gennaio. Poi, verranno selezionati tre progetti che, grazie alla generosità di Cariparma Crédit Agicole, riceveranno un significativo contributo in denaro”.
 
Maurizio Crepaldi, direttore sede Piacenza e Pavia di Cariparma, ha espresso la sua soddisfazione: “Ci aspettiamo un lavoro degno di nota perché da li nascerà il futuro reparto di pediatria dell’ospedale di Piacenza”. I premi sono 3mila euro per il primo classificato, 2mila per il secondo, mille per il terzo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.