Quantcast

Profughi. Foti (Fd’I): “Basta dilettantismi”. Bergonzi (Pd): “Riva, modello positivo” foto

Prosegue il dibattito sulla vicenda profughi a Piacenza con gli interventi di Tommaso Foti (Fratelli d'Italia) e Marco Bergonzi, parlamentare piacentino del Partito Democratico. 

Più informazioni su

Prosegue il dibattito sulla vicenda profughi a Piacenza con gli interventi di Tommaso Foti (Fratelli d’Italia) e Marco Bergonzi, parlamentare piacentino del Partito Democratico. 

“L’affrontare con dilettantismo ed approssimazione l’emergenza profughi rischia di fare implodere la protesta dei cittadini: il Ministero dell’Interno non può pensare di riversare sulle strutture periferiche dello Stato le sue manchevolezze. In ogni caso, la Prefettura di Piacenza dica chiaramente come si sta muovendo al riguardo “, lo afferma Tommaso Foti, neo consigliere comunale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.

” Per quanto riguarda l’ipotizzata allocazione di profughi in una struttura di Caratta – continua la nota – del tutto inadatta e avente destinazione urbanistica incompatibile con quella residenziale, c’è da rimanere disarmati e basiti. E’ un’ipotesi che non solo è destinata a scontrarsi frontalmente con l’opposizione del territorio, ma che cozza contro ogni il buon senso e la logica.”

” Quanto poi alle reiterate voci relative al trasferimento a San Damiano di altri profughi in strutture dell’Aeronautica Militare – continua Foti – è incomprensibile che non si dicano parole chiare e definitive. Da notizie assunte dai competenti uffici del Ministero della Difesa, infatti, non risulta affatto che vi sia né l’intenzione, né la possibilità di un siffatto utilizzo delle strutture militari. Non si vede però allora il motivo per cui il Prefetto di Piacenza non fornisce una risposta ufficiale e definitiva ai quesiti che le ha posto il Sindaco di San Giorgio.”

” In partite delicate come queste servono chiarezza e trasparenza: risulta difficile comprendere – prosegue l’esponente di Fd’I-AN – le ragioni per le quali invece sul nostro territorio si lascia tutto nell’indefinito, atteggiamento che fatalmente fa crescere la legittima e condivisibile protesta dei cittadini.”

” Anche per quanto riguarda l’aeroporto di San Damiano, anziché lasciare fiorire ipotesi suggestive di futuri e diversi utilizzi, preclusi dal fatto che lo stesso insiste su di una base Nato, è doveroso – evidenzia Foti – che lo Stato Maggiore dell’Aeronautica e il Ministro della Difesa si esprimano con chiarezza sugli intendimenti futuri. E’ pur vero che, chi come me ha sempre seguito la vicenda, sa bene che della chiusura di San Damiano si parla oramai da più di dieci anni, ma altrettanto vero è che se si va verso un riposizionamento della forza armata, quest’ultimo non necessariamente deve riguardare San Damiano.”

” Il fatto che su quest’ultima partita la Regione non ha competenze dirette – conclude Foti – non la assolve certo dal dovere di intervenire nei confronti dell’autorità militare, per richiedere che le decisioni che intendono assumere non penalizzino inopinatamente il territorio piacentino ed, in particolare, quello di San Giorgio e dei comuni limitrofi.”

Marco Bergonzi (Pd): “Riva di Pontedellolio, esempio positivo”

Il positivo esempio di Riva di Pontedellolio in fatto di profughi del quale abbiamo saputo proprio oggi, sta a dimostrare, che quando le situazioni vengono gestite bene, l’inserimento di nuovi cittadini provenienti da realtà completamente diverse dalla nostra, può avvenire con risultati apprezzabili per tutti e l’ex scuola che questi cittadini stranieri stanno risistemando, dopo un periodi di tensioni e disagi, sta a significare che l’integrazione con le comunità territoriali è possibile e auspicabile.

Sconcerta invece il fatto che la comunità di Gossolengo si trovi, suo malgrado, da alcuni giorni ad essere protagonista di due vicende di cui tutti avremmo fatto volentieri a meno. Non è ammissibile, infatti, che un progetto che va a impattare sulla vita di una comunità, non venga preventivamente chiarito, concertato e condiviso in ogni suo dettaglio con chi rappresenta i cittadini e quindi con gli abitanti del luogo. Pertanto bene ha fatto l’Amministrazione Comunale di Gossolengo a dichiararsi contraria a un’ipotesi di trasferimento di un così elevato numero di profughi nella piccola frazione di Caratta: innanzi tutto per il metodo adottato (non è accettabile che il Sindaco e cittadini lo apprendano “per caso”) ed in secondo luogo perché non si può pensare di collocare in un centro abitato, un numero di profughi pari (o quasi) alla popolazione che vi risiede.

Ma il secondo e più grave motivo per manifestare vicinanza e solidarietà alla comunità di Gossolengo e a chi la rappresenta, è l’ignobile atto intimidatorio perpetrato da ignoti che hanno incendiato la casa dove pare dovessero trovare ospitalità questi profughi. Un atto vigliacco, avvenuto di nascosto, di notte, compiuto da chi pensa di intimidire, generando preoccupazione ed allarme sociale. Un episodio grave, violento, odioso ed ingiustificabile, da condannare con forza e per il quale, mi auguro, che i responsabili vengano presto individuati e puniti.

Marco Bergonzi
Deputato Partito Democratico

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.