Regionali. Danni alluvioni, Pollastri (FI): “Si punti sulla prevenzione”

Il consigliere di Forza Italia annuncia un progetto di legge contro il dissesto idrogeologico

“Posso capire che elettoralmente annunciare erogazioni di soldi a pioggia a poche settimane dal voto possa funzionare da un punto di vista propagandistico, ma qui stiamo parlando della cura del territorio in cui viviamo e, soprattutto, di danni a volte irreparabili per aziende e persone. Bisogna quindi uscire dal circolo vizioso danno-emergenza-contributo (spesso insufficiente), per passare a un atteggiamento di prevenzione e cura costante per il nostro territorio”. Lo sostiene il consigliere regionale di Forza Italia, Andrea Pollastri, che oggi ha preso parte alla Commissione Affari Generali della Regione Emilia-Romagna, dove era in discussione la Delibera di Giunta per lo stanziamento di 5milioni di euro per l’emergenza alluvioni 2014.

“E’ ovvio – ha affermato Pollastri in Commissione – che non si possa essere contrari a stanziamenti di fondi per aziende, Enti locali e privati, ma è altrettanto chiaro che continuare a rincorrere i danni invece di prevenirli non è una pratica lungimirante e da buon amministratore. Con questa Delibera oggi si tolgono 3milioni di euro all’Arpa, Agenzia regionale di Protezione Ambientale, per spostarli su contributi a pioggia per l’emergenza: investire prima almeno quei 3 milioni sulla prevenzione avrebbe forse evitato più di qualcuno dei danni che oggi i territori sono costretti a fronteggiare. Senza considerare, poi, che questi finanziamenti – se e quando arrivano, a causa della lentezze burocratiche – risultano sempre insufficienti per coprire gli effettivi danni causati dalle calamità atmosferiche”.

“Una volta rieletto in consiglio regionale – ha concluso il candidato di Forza Italia – presenterò immediatamente una proposta di legge che avvii un serio programma di prevenzione del dissesto idrogeologico, attraverso, da un lato, l’individuazione nelle zone più a rischio degli interventi prioritari da attivare con procedure urgenti e semplificate e, dall’altro, la realizzazione di una vera e propria operazione sicurezza fatta attraverso opere di bonifica, di irrigazione, di cura e tutela del suolo, grazie al coinvolgimento di agricoltori e imprese agroindustriali, a partire da quelle di montagna, che sono le prime sentinelle del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.