Quantcast

Regionali. Ghilardelli (Ln) sottoscrive il Manifesto del Forum Famiglia Emilia Romagna

“È con orgoglio e soddisfazione che sottoscrivo il Manifesto del Forum Famiglia Emilia Romagna, un progetto ben fatto, concreto e basato su questioni che mi stanno particolarmente a cuore. – ha commentato Manuel Ghilardelli, candidato della Lega Nord alle prossime elezioni regionali del 23 novembre, subito dopo aver firmato la sottoscrizione al manifesto.

“È con orgoglio e soddisfazione che sottoscrivo il Manifesto del Forum Famiglia Emilia Romagna, un progetto ben fatto, concreto e basato su questioni che mi stanno particolarmente a cuore. – ha commentato Manuel Ghilardelli, candidato della Lega Nord alle prossime elezioni regionali del 23 novembre, subito dopo aver firmato la sottoscrizione al manifesto.

“La centralità del nucleo famigliare è una delle basi da cui il nostro Paese deve ripartire e la Regione non può sottrarsi dalle responsabilità che ha nei confronti delle singole famiglie per le quali il Forum emiliano propone stanziamenti, agevolazioni fiscali e tariffarie, aiuti crescenti in proporzione al numero dei componenti, con priorità per le famiglie numerose, per i nuovi nati e per le persone con disabilità”, ha proseguito Ghilardelli.

Tra gli interventi più urgenti inseriti nel manifesto, uno riguarda le politiche sulla casa: “Come ho già avuto modo di commentare più volte, – sottolinea il candidato della Lega – è urgente rivedere i criteri di assegnazione degli alloggi con attribuzione di punteggi maggiori alle famiglie con figli e con il superamento dell’attuale utilizzo dell’ISE, a preferenza dell’ISEE, e dare la precedenza a famiglie residenti sul territorio da almeno 10 anni. Inoltre, è giusto dare maggiori opportunità alle famiglie giovani, magari con figli piccoli, istituendo mutui agevolati che possano permettere l’acquisto della prima casa”.

“Anche la conciliazione lavoro/famiglia è un tema che non può più essere sottovalutato: apprezzo la proposta del Forum Famiglia di voler introdurre un tavolo permanente di dialogo con imprese, aziende pubbliche e cooperative per l’adozione di politiche di armonizzazione tra il lavoro e gli impegni familiari. – conclude Ghilardelli – Potenziare i servizi sociali in favore dell’infanzia, in particolare ampliando la rete dei servizi di nido e vigilando maggiormente sulle procedure di accreditamento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.