Quantcast

Regionali, inizia il conto alla rovescia. L’invito al voto del Pd

Conto alla rovescia per le elezioni regionali. "Mancano otto giorni -ha detto Giorgia Buscarini (responsabile organizzativa PD) nel corso della conferenza stampa tenutasi nel tardo pomeriggio di oggi nella sede del partito di via Martiri della Resistenza - abbiamo quattro candidati forti che oggi sono qui, insieme ad alcuni importanti esponenti piacentini del Pd".

Più informazioni su

Conto alla rovescia per le elezioni regionali. “Mancano otto giorni – ha detto Giorgia Buscarini (responsabile organizzativa PD) nel corso della conferenza stampa tenutasi nel tardo pomeriggio di oggi nella sede del partito di via Martiri della Resistenza – abbiamo quattro candidati forti che oggi sono qui, insieme ad alcuni importanti esponenti piacentini del Pd”.

“I fondi saranno minori – ha aggiunto introducendo Loris Caragnano (responsabile enti locali PD) – visto il periodo di crisi che stiamo vivendo. La Regione, comunque, manterrà un ruolo di primaria importanza. Proprio per questo dovremo cercare di avere una partecipazione molto alta alle urne, per decidere chi guiderà la Regione. Noi ci auguriamo sia Stefano Bonaccini”.

“Ringrazio i candidati – ha detto Roberto Reggi, al vertice del Demanio – perché stanno portando avanti una competizione virtuosa. Grazie a questa campagna elettorale cosí competitiva ed agguerrita, dal punto di vista del raggiungimento di tutti i luoghi della Provincia”. “La buona politica é parte della soluzione ai problemi – ha aggiunto -. Pensiamo solo al dissesto idrogeologico!”. Reggi ha speso parole di elogio per Bonaccini e per i candidati, volti di “una politica fresca”, antidoto alle “difficoltà che viviamo tutti i giorni”.

Poi il parlamentare Marco Bergonzi: “Il Pd ha messo insieme quattro candidati che sono una bella offerta per questa competizione elettorale. Bonaccini, tra otto giorni, sarà presidente della Regione: mi piace che lui ed i candidati conoscano il territorio. Sulle spalle hanno 40 anni di esperienza”. Su Piacenza: “Credo faremo un buon risultato – ha aggiunto.

Paolo Dosi, sindaco di Piacenza: “Ci troviamo a fare i conti con una situazione sempre piú diffusa di disaffezione dalla politica. Il Pd oltre ad avere un candidato alla presidenza di consolidata esperienza é l’unico partito della nostra città con candidati che provengono dal territorio e lo conoscono. L’unico che ha presentato quattro figure di questo spessore”.

“Una vittoria ottenuta con una scarsa partecipazione sarebbe poco entusiasmante – ha detto Paolo Sckokai, segretario cittadino del Pd – É importante, quindi, partecipare in massa al voto. Anche per risolvere i problemi (ad esempio quello relativo ai collegamenti con Milano) che Piacenza oggi ha, per portare a casa risultati concreti”. “Nn dobbiamo buttare via un voto -ha detto Laura Dametti – importante per la nostra città e per la nostra Regione”.

Infine hanno preso la parola i quattro candidati. “Già conoscevamo i problemi dell’amministrazione Regionale – ha detto Gianluigi Molinari – in questo mese, approfondendoli, abbiamo avuto la conferma: tutti si attendono di piú. Se cosí non sarà, tra cinque anni, sarà difficile ottenere la fiducia dei nostri elettori”. Accanto a lui, Katia Tarasconi.

“Credo che sia molto importante votare per far vincere la fiducia, il territorio e Piacenza – ha detto Paola Gazzolo -. Venite a votare e fate in modo di convincere il vostro vicino”. “É bene votare Pd, perché siamo in Emilia Romagna – ha aggiunto. Poi Alessandro Ghisoni: “Torniamo a dare credibilità alla politica – ha detto – questo doveva essere ed é stato il nostro primo impegno! Eletti torneremo nelle piazze, nei circoli, come abbiamo fatto in queste settimane, per rendicontare quello che faremo ed anche quello che non riusciremo a fare. Se Bonaccini vincerà con una percentuale bassa di elettori alle urne sarà un presidente zoppo; dobbiamo fare di tutto per evitarlo…”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.