Quantcast

Scuola e Funzione Pubblica. Una delegazione piacentina alla manifestazione di Roma

Pullman pieni per la manifestazione indetta unitariamente dalle tre organizzazioni sindacali a Roma sabato 8 novembre. La CISL piacentina era presente con le categorie di Scuola e Funzione Pubblica, per rivendicare la stabilizzazione dei precari, il rinnovo dei contratti dei vari settori e il reale percorso di nuove assunzioni per sostituire chi va in pensione (staffetta generazionale).

Più informazioni su

Pullman pieni per la manifestazione indetta unitariamente dalle tre organizzazioni sindacali a Roma sabato 8 novembre. La CISL piacentina era presente con le categorie di Scuola e Funzione Pubblica, per rivendicare la stabilizzazione dei precari, il rinnovo dei contratti dei vari settori e il reale percorso di nuove assunzioni per sostituire chi va in pensione (staffetta generazionale).

“Certo è che la Pubblica Amministrazione va riformata ed innovata, ma non è con tagli pianificati dal governo a livello centrale che si ottiene un’amministrazione migliore; per fare le cose occorre conoscerle, e chi meglio delle organizzazioni sindacali, delle rsu e dei lavoratori può contribuire a questa riorganizzazione ? Il rischio è quello di avere servizi diminuiti e peggiorati”, affermano i partecipanti alla manifestazione della Cisl, “E’ veramente triste, proseguono gli intervenuti, contrapporre i lavoratori con chi lavoro non ce l’ha, speculando sul dolore e la rabbia di questi ultimi. Non è con il rincorrere chi sta peggio che si potrà mai uscire dalla crisi, quanto piuttosto dando una risposta concreta, non con semplici spot, a chi ora è in cerca di lavoro”.

La Funzione Pubblica afferma “in questi anni la spesa pubblica è aumentata di 14 mld. Dove sono stati spesi e cosa ha fatto aumentare i costi?.. sicuramente non i lavoratori, infatti il contratto dei lavoratori pubblici è fermo da 5 anni e si è avuto un calo di 310 mila posti di lavoro in questi 6 anni, se mai sono aumentate le tante consulenze, società partecipate, abbondanza di dirigenti strapagati.”

Lucia Galeazzi, Segretario della Cisl Scuola sostiene che “invece di investire sul settore che fa crescere i nostri figli, anche qui si taglia, oltre al contratto fermo da anni, neppure gli scatti d’anzianità sono stati sbloccati, è un comportamento inaccettabile che questo governo sta proseguendo in continuità col passato”. 

Alla manifestazione erano presenti numerosi lavoratori di cooperative sociali, case di riposo e sanità privata. Per la Cisl Fp, “era importante esserci per rivendicare i rinnovi dei contratti, scaduti da parecchio tempo, e stipendi che si aggirano tra 800 -1000 euro, con tasse e costi di vita sempre più alti, richieste di lavoro sempre più pesanti in un settore essenziale e delicato per i cittadini e che molto spesso passa ingiustificatamente in secondo piano; per fortuna abbiamo professionisti seri che con competenza e professionalità svolgono tutti i giorni in prima fila il proprio lavoro.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.