Quantcast

Comune e Provincia insieme a sostegno del lavoro. Bandi per 150mila euro

È stato presentato nella mattinata di venerdì 12 dicembre presso la sala giunta in Municipio di Piacenza, il Fondo di sostegno al lavoro promosso congiuntamente dalle Amministrazioni comunale e provinciale.

Più informazioni su

È stato presentato nella mattinata di venerdì 12 dicembre presso la sala giunta in Municipio di Piacenza, il Fondo di sostegno al lavoro promosso congiuntamente dalle Amministrazioni comunale e provinciale.

Sono intervenuti , per illustrare nel dettaglio l’iniziativa, il sindaco Paolo Dosi e la consigliera provinciale delegata Paola Galvani.

“Si tratta di un intervento anticrisi – ha detto Dosi – in continuità con le linee di mandato. Eravamo intervenuti con 92mila euro nel 2011 e 2013 che sono stato indirizzati a due imprese per sostenere 27 lavoratori”. Quest’anno il comune ha contribuito con 50mila euro al fondo che andrà a beneficio di lavoratori over 29 anni o con over 50 difficoltà di reinserimento nel mondo del lavoro.

“Abbiamo fatto economia – ha detto Galvani – in tutti i settori per sostenere i bandi relativi al lavoro”. La provincia ha stanziato 100mila euro che, uniti ai 50mila del Comune portano, quindi, allo stanziamento complessivo di 150mila euro. “Abbiamo investito sia sugli ultra 35enni che sugli ultra 50enni (per il progetto verranno spalmati, tra i vari richiedenti, 100mila euro) e sui giovani (bandi per 50mila euro)”. A questi, è necessario ricordare che si aggiunge “Garanzia giovani” ed un bando di 360mila euro, sempre a sostegno giovani (le domande hanno riguardato 71 lavoratori) scaduto a metà anno.

AZIONE 1: FONDO PER CONTRIBUTI A DATORI DI LAVORO PER INTERVENTI A SOSTEGNO DELL’INSERIMENTO E DEL REINSERIMENTO PROFESSIONALE DI LAVORATORI A RISCHIO DI ESPULSIONE-ESCLUSIONE DAL MERCATO DEL LAVORO (FONDO DISPONIBILE € 100.000)

Destinatari dell’iniziativa sono:

a) lavoratrici e lavoratori che, alla data di attivazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, hanno compiuto 50 anni di età e risultano in stato di disoccupazione, (con esclusione dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della legge n. 223/1991 per la cui assunzione sono già previsti incentivi all’occupazione dalla normativa nazionale).

b) lavoratrici di età superiore ai 35 anni e lavoratori di età superiore ai 40 anni, alla data di attivazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, in possesso alla medesima data di uno dei seguenti requisiti:

privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi con esclusivo riferimento ai rapporti di lavoro subordinato 2, se di età inferire a 50 anni al momento dell’assunzione a tempo indeterminato;

iscrizione nelle liste di mobilità senza diritto all’indennità di mobilità;
lavoratori licenziati da imprese che occupano anche meno di 15 dipendenti per giustificato motivo oggettivo connesso a riduzione, trasformazione o cessazione di attività o di lavoro, (ai sensi della legge n. 236/1993) dal 31.12.2012;
sospensione da imprese ammesse

Beneficiari del contributo:

Possono presentare domanda di contributo i datori di lavoro privati titolari di Partita IVA.

Le iniziative devono prevedere l’assunzione a tempo indeterminato (o l’ammissione come socio-lavoratore dipendente a tempo indeterminato) o la stabilizzazione di una esperienza lavorativa non stabile in corso presso lo stesso datore di lavoro, mediante attivazione di un contratto a tempo indeterminato.

Le assunzioni a tempo indeterminato e le stabilizzazioni che possono essere incentivate sono quelle realizzate nel periodo compreso fra l’1/6/2014 e il 31/12/2014.

Per ogni attivazione di un contratto a tempo indeterminato è previsto (fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili) il riconoscimento di un contributo a fondo perduto tra gli 8.000 e i 6.000 euro.

AZIONE 2: INCENTIVI ALLE IMPRESE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO (DI ALMENO 12 MESI) DI LAVORATORI ULTRA-VENTINOVENNI. ANNI 2014-2015 (FONDO DISPONIBILE € 50.000)

Destinatari dell’iniziativa sono:

a) lavoratrici e lavoratori che, alla data di attivazione del rapporto di lavoro a tempo determinato, hanno compiuto 30 anni di età e risultano in stato di disoccupazione

Beneficiari del contributo:

Possono presentare domanda di contributo i datori di lavoro privati titolari di Partita IVA.

Le iniziative devono prevedere l’assunzione a tempo determinato, come primo contratto presso l’impresa che opera l’assunzione, della durata di almeno 12 mesi (comprensiva anche di proroghe) o l’ammissione come socio-lavoratore dipendente a tempo determinato.

Le assunzioni a tempo determinato che possono essere incentivate sono quelle realizzate nel periodo compreso fra l’1/6/2014 e il 31/12/2014.

Per ogni attivazione di un contratto a tempo determinato, della durata di almeno 12 mesi (comprensiva di eventuali proroghe), anche part-time con un orario di lavoro pari almeno al 50% del tempo pieno è previsto (fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili) il riconoscimento di un contributo a fondo perduto pari a: € 4.000,00 per ogni destinatario di età pari o superiore ai 30 anni in stato di disoccupazione.

Per ogni trasformazione del contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato anche part-time con un orario di lavoro pari almeno al 50% del tempo pieno sarà riconosciuto un incentivo unico pari ad € 7.500,00 (indipendentemente dalla durata del precedente rapporto a tempo determinato).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.