Quantcast

Confagricoltura, scelta a Milano la sede per il Fuori Expo 

Scambio di auguri per i giovani di Confagricoltura

Più informazioni su

Sarà situata all’interno del Palazzo degli Atellani una delle location scelte da Confagricoltura per gli eventi fuori Expo. L’associazione degli agricoltori sta sin da ora organizzando eventi di avvicinamento alla grande manifestazione ed ha in cantiere un ricco programma di iniziative che si realizzeranno nei sei mesi della manifestazione sia all’interno dell’Expo che fuori. Confagricoltura sarà presente a Palazzo degli Atellani per tutto il periodo dell’Expo organizzando visite, incontri b2b, convegni, serate a tema, degustazioni e varie altre iniziative. L’associazione avrà a disposizione anche uno spazio appositamente dedicato sia all’esposizione sia alla vendita dei prodotti delle aziende associate.

“Il primo passo per poter partecipare alle proposte che Confagricoltura sta pianificando a livello nazionale – ha ricordato il Presidente di Confagricoltura Piacenza, Enrico Chiesa – è iscriversi al contenitore “Expo anch’io”come hanno fatto le aziende che hanno aderito agli eventi realizzati recentemente a Milano e a Roma”.

Sabato 6 dicembre, alla trasmissione “Che Tempo Che Fa” condotta da Fabio Fazio su Raitre, è stata presentata la prestigiosa location che sarà oggetto anche in un progetto artistico-culturale-agronomico. Situata nel centro di Milano e precisamente dietro Santa Maria delle Grazie, dove il genio del Rinascimento dipinse il Cenacolo, negli spazi interni vedrà risorgere uno dei vigneti storici e più preziosi: quello di Leonardo da Vinci. La cosiddetta “Vigna di Leonardo”, donata all’inventore da Lodovico il Moro nell’aprile del 1499 per remunerarlo dei suoi servigi, è situata all’interno del Palazzo degli Atellani. Il Palazzo, con annesso giardino e vigna, sarà aperto a tutti con visite guidate che ne illustreranno le traversie attraverso i secoli, dal ‘500 ad oggi.

Il merito del restauro della Vigna va alla Fondazione Portaluppi, agli eredi di Casa degli Atellani ed alla task force di studiosi guidata da Attilio Scienza – massimo esperto di Dna della vite – e dall’enologo Luca Maroni, che si occuperanno di reimpiantare la vigna. Dunque anche grazie a Confagricoltura, con il supporto del Comune di Milano, Expo 2015 vedrà la rinascita della Vigna di Leonardo.

SCAMBIO DI AUGURI PER I GIOVANI DI CONFAGRICOLTURA
La festa di Anga in programma sabato 20 dicembre

I giovani di Confagricoltura organizzeranno anche quest’anno la tradizionale festa natalizia riservata ai membri e ai sostenitori dell’Associazione. L’evento si svolgerà presso Gourmet a Quarto di Gossolengo il prossimo 20 dicembre e prevede una cena ad invito cui seguirà l’animazione musicale.

“Si tratta di una preziosa occasione di aggregazione – spiega il presidente, Matteo Cattivelli – e di una modalità per far conoscere i tanti progetti realizzati da Anga Piacenza per agevolare i giovani imprenditori agricoli a fare impresa e a partecipare alle azioni sindacali”.

Lo scorso 13 novembre dall’Eima di Bologna è partito il “Road Show dei Giovani di Confagricoltura”: un tour nazionale che regione per regione, attraverso una ventina di tappe presenta sul territorio le attività di Anga illustrando il panorama delle opportunità a disposizione degli under 40 insediati o che intendono insediarsi in agricoltura. L’obiettivo è quello di sviluppare un piano di crescita dell’imprenditorialità giovanile in agricoltura e promuovere il ricambio generazionale. “La sezione di Piacenza ha preso parte a questa prima tappa – spiega Cattivelli – inoltre, a livello locale, abbiamo avviato in parallelo altre iniziative come l’apertura dello sportello giovani e i corsi di lingua inglese. Il nostro obiettivo – prosegue Cattivelli – è quello di affiancare l’aspirante agricoltore, o chi è già insediato, per aiutarlo a crescere professionalmente. Uno degli impegni di Anga, è, sul piano sindacale, recepire dal territorio le esigenze per catalizzarle a livello regionale e nazionale sull’elaborazione di proposte normative che possano rendere più attrattivo per i giovani il mondo agricolo”.

Siamo uno dei Paesi UE con il più basso tasso di ricambio generazionale e la disoccupazione giovanile supera il 40%. L’Italia è un paese di aspiranti imprenditori e se in agricoltura ci sono solo 59.000 giovani aziende, pari al 7,2% del settore, a parere dei giovani di Confagricoltura, si può fare di più. L’Emilia Romagna rappresenta il 12% dell’agricoltura italiana e i giovani agricoltori sono solo il 3,6 del totale. Lo spazio per l’inserimento dei giovani in agricoltura c’è e l’associazione dei giovani di Confagricoltura, che a Piacenza è particolarmente attiva e propositiva, negli anni si è rivelata un buon volano per chi intende intraprendere un percorso di crescita nel settore primario.

“Iscriversi e partecipare alle iniziative di Anga, lo dico per esperienza – sottolinea Cattivelli – è avere degli strumenti in più per poter raggiungere i propri obiettivi professionali. In un momento storico come questo, ritengo che sia determinante, per un giovane, poter contare sul valore aggiunto che un’associazione come Anga può dare. La nostra festa sarà un momento di svago, ma anche un’occasione per condividere il cammino fatto e per raccogliere spunti funzionali alle nuove iniziative”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.