Quantcast

Il vescovo incontra i politici: “Recuperare l’idealità dell’impegno sociale” foto

Sabato 20 dicembre, il vescovo mons. Gianni Ambrosio ha ricevuto nella Sala degli Affreschi di Palazzo Vescovile di Piacenza una folta rappresentanza di Amministratori e politici piacentini per gli scambi degli auguri natalizi.

Più informazioni su

Sabato 20 dicembre, il vescovo mons. Gianni Ambrosio ha ricevuto nella Sala degli Affreschi di Palazzo Vescovile di Piacenza una folta rappresentanza di Amministratori e politici piacentini per gli scambi degli auguri natalizi. Nell’occasione mons. Ambrosio ha rivolto a tutti gli amministratori e ai politici un massaggio augurale e di buon lavoro richiamando il discorso che il Santo Padre, papa Francesco, ha rivolto il 25 novembre scorso, in occasione della sua visita a Strasburgo, al Parlamento e al Consiglio d’Europa.

“Credo che sia urgente ricuperare – ha detto – l’idealità dell’impegno sociale, politico, amministrativo. A forza di abbassare l’asticella di ciò che dovrebbe essere l’ideale del servizio alla cosa pubblica, si abbassa sempre più la dignità della persona e della vita civica. L’immagine del nostro Paese che offriamo a noi stessi e agli altri – siamo sempre interconnessi – non è affatto bella. E le conseguenze si pagano, perché i contraccolpi sono dolorosi, per tutti”.

Ancora: “Una responsabilità civica più alta, capace di esprimere il senso del servizio politico-amministrativo, comporta il ricupero del bene comune dei cittadini: questa è la finalità dell’impegno politico, del servizio amministrativo. A partire da un livello civico alto si è poi in grado di richiedere lo stesso impegno anche alle altre forze che agiscono nella città e nel territorio. Tutto questo, lo so bene, va ben oltre il nostro territorio, circoscritto dal Po e dal crinale degli Appennini. Tuttavia credo che abbiamo bisogno di andare oltre il nostro territorio e di avere uno sguardo più aperto e più ampio, un orizzonte più vasto. Uno dei limiti della nostra realtà locale e nazionale è, a mio parre, la sua chiusura. Scivolare su questa china della chiusura, dell’autoreferenzialità è sempre stato pericoloso in ogni epoca, e la nostra storia italiana lo attesta. Ma diventa ancora più pericoloso in un mondo aperto e globalizzato come il nostro”.

Al termine dell’incontro mons. Ambrosio ha donato a tutti i presenti il testo del discorso di papa Francesco e la sua recente lettera pastorale che, com’è noto, quest’anno fa riferimento a San Colombano, ritenuto il “padre dell’Europa”.

Il presule è stato presentato ai politici dal dottor Massimo Magnaschi, direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro. Presente anche mons. Eliseo Segalini, vicario episcopale di questo settore.

Il testo del messaggio che il vescovo ha rivolto agli Amministratori e ai Polici

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.