Quantcast

Napoletano (Sole24Ore): “Il nostro capitale culturale ci salverà”  foto

Ospite della Banca di Piacenza Roberto Napoletano, direttore de "Il Sole 24 Ore", che ha raccontato il suo viaggio in Italia alla ricerca delle eccellenze e del coraggio di chi rischia.

Più informazioni su

Ospite della Banca di Piacenza Roberto Napoletano, direttore de “Il Sole 24 Ore”, che ha raccontato il suo viaggio in Italia alla ricerca delle eccellenze e del coraggio di chi rischia. Tanti i segnali di speranza che il direttore del quotidiano economico ha intercettato durante i suoi incontri. A stimolare Napoletano sul suo libro edito da Rizzoli, il giornalista Robert Gionelli.

“Quello che mi ha colpito, ad esempio, in un liceo scientifico di Reggio Calabria – ha spiegato ai cronisti – è la preparazione di tanti degli studenti davanti ai quali ho parlato, alcuni di questi mi hanno posto domande veramente di qualità, su temi di finanza inetrnazionale ai quali io stesso non sarei stato in grado di rispondere. Oggi i giovani si informano autonomamente, seguono i siti internazionali e alcuni di loro fra dieci o venti anni saranno ai vertici di una multinazionale della finanza americana o cinese, o comunque fuori con posizioni di responsabilità dall’Italia. Questo è quello che non deve accadere, ho fatto un viaggio in Italia per chiarire che non c’è una fuga di cervelli, perchè i nostri giovani talenti vanno dove si vive meglio, l’Italia deve tornare ad essere il paese dove si sceglie di vivere.

“In un altro liceo a Merate, i ragazzi – ha proseguito Napoletano – mi hanno preparato una cena per me imprevista, con tutti i prodotti della terra, della Brianza. Mi hanno detto che per molto tempo avevano pensato che la fabbrica fosse la nobiltà e la terra fosse la plebe, da un po’ di tempo ci siamo scoperti tutti un po’ più plebei.  Racconto questo perchè per me la Brianza sia simboleggiata dall’arredo e dei mobili. Noi non dobbiamo più disperdere i valori di manualità, di qualità della manifattura che noi custodiamo da tempo. Noi dobbiamo convincere anche i nostri giovani che diventare maestri artigiani non è un lavoro di serie Z ma di serie A”.   

Napoletano ha aggiunto che Piacenza “deve investire su se stessa per recuperare i primati che ha perso, ci vuole una qualità dell’amministrazione, ma anche dell’imprenditoria. L’Italia è la patria dei mille borghi e dei mille comuni dove il più grande capitale è quello culturale ed è anche quello più dimenticato. Dietro grande al nostro sistema produttivo, alla nostra imprenditoria, c’è la nostra storia cosmopolita culturale italiana. Un paese che custodisce questo capitale non può arrendersi al declino, ho faccio il viaggio in Italia perchè tutto ciò che di positivo emerge venga raccolto in un quadro di serietà”.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.