Quantcast

Parte il 10 gennaio la seconda avventura dell’Everest Piacenza Pallanuoto

Parte il 10 gennaio la seconda avventura dell’Everest Piacenza Pallanuoto che, dopo l’ottima scorsa stagione d’esordio in serie B, affronta ancora la nuova imminente stagione con l’impossibilità di giocare tra le mura amiche della sua città.

Più informazioni su

Parte il 10 gennaio la seconda avventura dell’Everest Piacenza Pallanuoto che, dopo l’ottima scorsa stagione d’esordio in serie B, affronta ancora la nuova imminente stagione con l’impossibilità di giocare tra le mura amiche della sua città.
Partenza in trasferta contro i rinforzati Nuotatori Ravennati ed esordio “ casalingo” il 17 gennaio contro la neo promossa Vicenza. Trasferta a Milano contro un Cus Geas forse un po’ indebolito e poi ancora a Cremona per ospitare una rinnovata Vela Ancona. Si riparte da Mestre, per poi ospitare il Modena, squadra di tutto rispetto, per poi proseguire con la partita interna contro il Cus Firenze, quella molto dura esterna a Lodi ed infine , sempre a Cremona contro la favoritissima Bergamo.
Abbiamo avvicinato il tecnico piacentino Van der Meer per fare il punto con lui.
Pensi che un calendario possa essere favorevole o meno per una squadra e come ti sembra quello del Piacenza ?
Penso che un calendario possa essere favorevole e credo che sicuramente il nostro calendario non è male. Vedendo le prime tre partite, sono partite che dovrebbero essere al nostro livello.. Se parti bene fai un buon passo subito e soprattutto come spirito di squadra può essere d’aiuto. Nel complesso comunque non dobbiamo pensare troppo a queste cose, bensì a noi lasciando perdere gli altri.
Rispetto alla passata stagione ci sono ben quattro nuove squadre e quindi tanti cambiamenti, Che informazioni hai su le nuove entrate ?
Si ci sono 4 nuove squadre e ho sentito, più meno, come sono. Tutte squadre compatte ed equilibrate, noi dobbiamo giocare ogni partita come se fosse una finale. Non possiamo pensare a chi è forte o chi non è forte. Se entriamo in quella mentalità tante volte succede che lasci i punti contro quelle che avevi ritenuto “non forte”.
Per quelle già incontrate nel campionato scorso pare che ci sia un certo livellamento; chi era forte forse si è indebolito e chi era più debole rinforzato. Cosa ne pensi ?
Penso che le squadre che l’anno scorso erano forti lo siano ancora; sono generalmente compagini che giocano insieme da anni ed hanno la forza di giocare come squadra.
Ma come già detto, io non sto tanto a guardare gli altri. Guardo in casa mia e voglio che i ragazzi credano nella nostra forza. Se è così, vedrai che troviamo la risposta giusta per ognuno dei nostri avversari.
L’anno scorso, come neo promossa, l’obiettivo era chiaro, quest’anno ?
L’obiettivo è come quello dell’anno scorso. Spero di non arrivare alle fine della stagione per vedere se siamo salvi o no ….
Un secondo obbiettivo è quello di dare spazio al giovane Nicola Merlo che questo anno sarà fisso nella prima squadra; vorrei dare ogni tanto un pò di spazio ad altri due giovani come Riccardo Bianchi e Riccardo Sgarbi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.