Quantcast

Caso Molinari, test del Dna per una coppia di turisti dell’Uruguay 

Rimane ancora in stato di arresto Mirian Francia, l'amica brasiliana di Gaia Molinari che si è contraddetta durante le deposizioni successive al delitto ed è sospettata di essere coinvolta

Più informazioni su

Caso Gaia Molinari, il quadro delle indagini in corso in Brasile resta assai confuso.

La polizia locale è in attesa dei risultati del test del DNA – riferisce il Diario do Nordeste – fatto eseguire a una coppia di turisti provenienti dall’Uruguay che ha trascorso alcune ore insieme alla giovane piacentina, prima del giorno di Natale, quando fu ritrovata morta sulla spiaggia di Jericoacoara, nel Nordest del Brasile.

Rimane ancora in stato di arresto Mirian Francia, l’amica brasiliana di Gaia Molinari che si è contraddetta durante le deposizioni successive al delitto ed è sospettata di essere coinvolta. Un poule di avvocati ha chiesto la scarcerazione della 31enne che avrebbe conosciuto Gaia sul web, ma nessuna decisione risulta ancora essere stata presa. 

Per quanto riguarda i turisti uruguayani, si tratta di una coppia di fidanzati entrambi sottoposti a test del DNA: per ottenere l’esito serviranno 15 giorni. E’ stato prelevato un campione della loro saliva per confrontarla con una parte del materiale genetico ritrovato sul corpo di Gaia. Secondo gli avvocati che difendono Mirian Franca anche la coppia avrebbe subito abusi da parte della polizia.

In una dichiarazione, la Polizia Civile Ceara ha riferito che la coppia di turisti stranieri è stata fermata e sottoposta ad accertamenti nella sede dell’autorità giudiziaria Deprotur, così come molte altre persone. L’istituzione ha anche confermato che i due hanno testimoniato, si sono resi disponibili a raccogliere materiale genetico, ma successivamente sono stati rilasciati. La coppia è già rientrata in Uruguay.

Nel corso degli ultimi 14 giorni di lavoro, Deprotur ha seguito diverse direttrici di indagine: esclusa la rapina degenerata in omicidio, mentre restano ancora in piedi altre ipotesi, come quella del crimine di natura passionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.