Quantcast

Referendum Legge Fornero, la Lega: “Consulta tradisce gli esodati piacentini”

"La sentenza che ha impedito il referendum per la cancellazione della riforma Fornero - spiegano Pisani e Rancan - è un attentato alla democrazia"

Più informazioni su

“Oggi è un giorno triste anche per i piacentini: la sentenza della Consulta che ha impedito il referendum per la cancellazione della riforma Fornero è un attentato alla democrazia, un affronto ai tanti esodati del nostro territorio, oggi traditi per la seconda volta. I giudici costituzionali ora si devono assumere tutta la responsabilità degli eventuali disordini che potranno scoppiare nel Paese, a seguito della loro inopportuna bocciatura”.

Così il presidente della Lega Nord Emilia Pietro Pisani e il consigliere regionale leghista Matteo Rancan dopo che la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile il referendum sulla legge Fornero. “Lo Stato ha tappato la bocca ai piacentini. E questo ha un solo nome: dittatura. Questa sentenza è una palla in fronte alla libera
espressione democratica, soffoca la partecipazione e getta un’ombra sull’operato della Consulta, organo che ha tradito ufficialmente il suo ruolo di garanzia costituzionale per assumere vesti politiche, accettando di essere teleguidato dal governo Renzi”.

Per questo “oggi il Paese è a rischio dittatura”. “Gli esodati rimangono le grandi vittime dello Stato e dei silenzi del governo a guida Pd, che votò la riforma Fornero, scippando il futuro a migliaia di persone, compresi tanti piacentini. Solo la Lega si oppose a quella follia, continuando la propria battaglia oltre le aule parlamentari, nelle piazze, ai
banchetti. Oggi non ci fermiamo neanche di fronte alle resistenze opposte dall’apparato, ma, anche a Piacenza, continueremo ad essere punto di riferimento politico per i tanti esodati traditi e dimenticati dalle istituzioni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.