Quantcast

Sfratti, Confedilizia: “I problemi abitativi li risolvano i comuni”

La Confedilizia esprime la forte preoccupazione dei proprietari di casa per le richieste, provenienti da più parti, di ripristinare il blocco degli sfratti che il Governo

Più informazioni su

SFRATTI, CONFEDILIZIA: I PROBLEMI ABITATIVI DEVONO RISOLVERLI I COMUNI

La Confedilizia esprime la forte preoccupazione dei proprietari di casa per le richieste, provenienti da più parti, di ripristinare il blocco degli sfratti che il Governo – ponendo fine ad una ridicola ed accidiosa liturgia – ha deciso di non confermare, evitando così di scaricare sui proprietari di casa un problema che sono in primo luogo i Comuni a dover risolvere, unitamente ad una gestione oculata delle case popolari e ad una riduzione delle imposte sugli immobili privati affittati. Quella del Governo è una decisione che – se sarà tenuta ferma e non sarà rovinata dai Prefetti – conseguirà importanti risultati sul piano del ristabilimento della fiducia.

I Comuni – rileva la Confedilizia – drammatizzano il problema degli sfratti per avere più soldi dallo Stato, attraverso i trasferimenti, e dai contribuenti, attraverso le tasse locali. Il richiesto blocco degli sfratti – che sarebbe del tutto incostituzionale – mette tranquille la loro coscienza e la loro neghittosità, o incapacità, a provvedere. E il malgoverno clientelare dell’edilizia pubblica, così, continua. Mentre strumenti previsti dalla legge sin dal 1998 – come la possibilità per gli enti locali di prendere in locazione immobili da privati, al fine di assegnarli a famiglie disagiate – continuano a non essere presi in considerazione.
La Confedilizia fa appello alle forze politiche, di maggioranza e di opposizione, affinché il problema della casa venga finalmente affrontato con lungimiranza e senza spreco di risorse pubbliche, rifiutando qualsiasi normativa vincolistica, sempre fallita, e dando finalmente ossigeno ai proprietari che locano, incentivando in particolare i contratti concordati, a canone calmierato.          

Roma, 7 gennaio 2015

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.