Quantcast

Alluvione di ottobre 2014, la Regione stanzia oltre 12 milioni per Parma e Piacenza 

Centoventi interventi di messa in sicurezza, per un totale di oltre 12 milioni di euro. E’ quanto stabilisce il Piano –  approvato con determina del direttore dell’Agenzia regionale di Protezione Civile – dei primi interventi urgenti per i territori delle province di Parma e Piacenza, colpiti da un’eccezionale ondata di maltempo, con allagamenti diffusi, il 13 e 14 ottobre 2014.

Più informazioni su

Centoventi interventi di messa in sicurezza, per un totale di oltre 12 milioni di euro. E’ quanto stabilisce il Piano –  approvato con determina del direttore dell’Agenzia regionale di Protezione Civile – dei primi interventi urgenti per i territori delle province di Parma e Piacenza, colpiti da un’eccezionale ondata di maltempo, con allagamenti diffusi, il 13 e 14 ottobre 2014.
 
“Il Piano è frutto di un buon lavoro condiviso tra gli enti locali, ben coordinato dalla nostra Agenzia di protezione civile con i servizi regionali – sottolinea l’assessore alla Protezione civile Paola Gazzolo – . Come Regione, inoltre, abbiamo messo 4 milioni di euro su queste emergenze, che si sono già tradotti in interventi. Ora, con il Piano, ne potranno partire velocemente altri molto attesi dai territori”.
Il Piano autorizza in prevalenza di lavori per il ripristino della transitabilità delle strade e la salvaguardia dei centri abitati, il ripristino e il consolidamento degli argini, delle opere idrauliche danneggiate, la sistemazione di strutture pubbliche. Il tutto – oltre agli oneri per il personale impiegato nella gestione dell’emergenza  e per l’acquisizione di beni e servizi –  per un totale di 12 milioni e 400 mila euro assegnati dal Governo ordinanza del Capo Dipartimento della protezione civile  in seguito alla dichiarazione dello stato di emergenza nazionale dello scorso 30 ottobre.

Di particolare rilievo gli interventi per la riduzione del rischio sul Torrente Baganza nel parmense (per 2 milioni di euro complessivi), che saranno realizzati dal Servizio tecnico di bacino, d’intesa con il Comune, l’autorità di bacino e l’amministrazione provinciale. Ulteriori fondi statali (1 milione e 600 mila euro) saranno destinati a nuovi interventi, definiti nelle prossime settimane.
 

Alla realizzazione del Piano hanno concorso l’Agenzia regionale di protezione civile, con un ruolo di coordinamento, la Direzione regionale Ambiente, Difesa del Suolo e della Costa, il Servizio regionale Difesa del Suolo, della Costa e Bonifica, il Servizio regionale Geologico, Sismico e dei Suoli, il Servizio tecnico Bacino degli Affluenti del Po, AIPO- Agenzia interregionale per il fiume Po, ARPA – Agenzia regionale prevenzione e ambiente, le Province di Parma e Piacenza, i Consorzi di Bonifica,  con la collaborazione delle amministrazioni comunali e delle Unioni di Comuni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.