Quantcast

Altare addio, a Piacenza il 61,9 per cento dei “sì” in Comune

Più separazioni e crollano i matrimoni in chiesa, anche a Piacenza. Lo dicono i dati Istat che fotograno una situazione in forte mutamento per la famiglia italiana. I DATI comune per comune

Più informazioni su

Più separazioni e crollano i matrimoni in chiesa, anche a Piacenza. Lo dicono i dati Istat che fotograno una situazione in forte mutamento per la famiglia italiana.

Una sintesi effiicace viene stilata da “l’Espresso” che spiega come i matrimoni siano in calo costante da cinquanta anni a questa parte. Ormai si verifica un divorzio ogni quattro coppie sposate. Mentre, a livello italiano quasi metà delle nozze viene celebrata con rito civile e una coppia ogni dieci è composta da conviventi.

Sempre secondo l’Istat è il Friuli Venezia Giulia a registrare il calo più significativo delle nozze tra 2000 e 2011, in undici anni matrimoni quasi dimezzati: meno 46 per cento. Seguono Umbria (meno 43), e Campania (meno 36,5 per cento). Tiene invece la Calabria, che vanta oggi il numero più alto di matrimoni per abitante, quarantuno per diecimila, con un calo di “soli” undici punti rispetto al 1999. Maglia nera per numero di matrimoni invece, insieme all’ Emilia Romagna c’è la Lombardia, che detiene il minor numero di matrimoni per abitante, 27 ogni diecimila.

E se il calo dei matrimoni poteva non rappresentare una novità assoluta per i più informati, a sorprendere è certamente il fatto che in molte regioni sono ormai oltre la metà gli italiani che preferiscono sposarsi davanti a un ufficiale di stato civile piuttosto che a un prete.

A Piacenza i matrimoni con rito civile nel 2013 sono stati il 61,9 per cento del totale, in sintonia con gran parte delle città del nord, dove i matrimoni civili sono ormai in netta maggioranza, raggiungendo punte superiore all’83 per cento a Siena e Bolzano e con altre tredici grandi città oltre il 70 per cento, compresi capoluoghi di regione come Milano, Firenze, Bologna, Trieste e Aosta.

Numericamente, in ben più della metà dei capoluoghi italiani, prevalgono i “sì” laici. In questa parte della graduatoria non è presente nessuna città del Mezzogiorno, fatta eccezione per qualche comune sardo e abruzzese.

I matrimoni con rito cattolico a Piacenza sono il 38,1 per cento del totale

GUARDA I DATI COMUNE PER COMUNE 

Matrimoni in citta'

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.