L’amore ai tempi del Giappone, Lagazzi presenta il suo libro alla Fahrenheit

Venerdì 6 febbraio alle ore 19 alla Libreria Fahrenheit 451 in via Legnano sarà ospite lo scrittore Paolo Lagazzi per parlare del  suo libro Light Stone edito da Passigli, a introdurlo Eugenio Gazzola.  

Più informazioni su

Venerdì 6 febbraio alle ore 19 alla Libreria Fahrenheit 451 in via Legnano sarà ospite lo scrittore Paolo Lagazzi per parlare del  suo libro Light Stone edito da Passigli, a introdurlo Eugenio Gazzola.  
 
Paolo Lagazzi è uno dei massimi esperti italiani della cultura giapponese. Autore di una fortunatissima antologia di poesia classica giapponese pubblicata da Rizzoli, Lagazzi è certamente tra gli autori italiani più amati e stimati nel paese del Sol Levante. Light Stone, il suo primo romanzo, è fortemente legato al Giappone, e non solo nella vicenda amorosa che lega il protagonista, un violinista ormai in là con gli anni, a una giovane e misteriosa ragazza giapponese. Il vecchio violinista sacrificherebbe tutto quello che ha costruito, persino la sua famiglia, per poter stare con lei, intravista di sfuggita una sera all’uscita da un locale; ma la ragazza sembra sempre più ritrarsi di fronte al crescendo di sentimenti, all’arrembaggio psicologico del protagonista. Si tratta di un romanzo sulla patologia dell’amore, ma anche sul confronto e sullo scontro di due mentalità e di due culture lontanissime: il violinista, profondo conoscitore del Giappone, si scopre del tutto incapace di comprenderne davvero l’identità, anche perché, forse, quell’identità si è ormai irrimediabilmente eclissata o riesce appena a sopravvivere in un contesto chiuso e quasi clandestino, dove nessun occidentale riuscirà mai ad entrare.
 
Paolo Lagazzi (1949) ha al suo attivo una serie di opere critiche di grande importanza (Vertigo. L’ansia moderna del tempo, Per un ritratto dello scrittore da mago, Forme della leggerezza, per citarne soltanto alcuni). Di non minore rilievo le sue curatele critiche, tra le quali ben tre edizioni dei Meridiani Mondadori dedicate, rispettivamente, al suo grande amico e maestro Attilio Bertolucci a Pietro Citati e a Maria Luisa Spaziani. Di qualche anno fa, poi, il suo primo libro di racconti, Nessuna telefonata sfugge al cielo (Aragno, 2011), che ha riscosso una notevole attenzione sia da parte della critica sia da parte dei lettori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.