Quantcast

Lungodegenze, le Case di Cura Piacenza e S. Antonino: “Servizio soddisfacente”

Fanno discutere le dichiarazioni del consigliere comunale di Piacenza del Pd Stefano Borotti, che nel corso della seduta a Palazzo Mercanti di lunedì scorso ha riferito di aver ricevuto diverse lamentele 

Più informazioni su

Fanno discutere le dichiarazioni del consigliere comunale di Piacenza del Pd Stefano Borotti, che nel corso della seduta a Palazzo Mercanti di lunedì scorso ha riferito di aver ricevuto diverse lamentele sul servizio offerto nelle strutture convenzionate per la lungodegenza di Piacenza.

’Un tema da sottoporre al nuovo direttore dell’Asl – aveva affermato Borotti senza citare esplicitamente le strutture coinvolte – sappiamo che ci sono verifiche, ma alcuni delicati aspetti possono sfuggire da questo sistema di controllo. Persone fragili, anziani, a fine vita, che possano essere trattate come mi è stato riferito, mi indigna profondamente. Stiamo parlando di servizi convenzionati, quindi l’attenzione deve essere massima’.

A Borotti replicano con una nota scritta la direzione della Casa di Cura Privata Piacenza e della Casa di Cura Privata Sant’Antonino che riportiamo integralmente. Di seguito il testo.

La direzione della Casa di Cura Privata Piacenza e della Casa di Cura Privata Sant’Antonino desidera replicare alle dichiarazioni del consigliere del Pd Stefano Borotti espresse durante il consiglio comunale tenutosi a Palazzo Mercanti lunedì 9 febbraio e riprese da alcuni organi di informazione locali nei giorni successivi all’assemblea. Il consigliere Borotti, nell’intervento pubblico in questione, esprime preoccupazione per la qualità dei servizi di lungodegenza erogati da alcune strutture sanitarie private convenzionate della città: servizi che il consigliere arriva a definire addirittura “vergognosi”. Innanzitutto, in apertura del proprio intervento, il consigliere Borotti sceglie deliberatamente di non fare nomi sostenendo pubblicamente di “non voler fare pubblicità negative”.

L’esponente del Pd, però, si dimentica che nel Comune di Piacenza le strutture sanitarie private convenzionate che effettuano servizio di lungodegenza sono solo due, appunto la Casa di Cura Piacenza e la Casa di Cura Sant’Antonino: l’obiettivo di non infangare l’immagine delle due strutture, dunque, fallisce in partenza. Secondariamente ciò che colpisce negativamente sono i contenuti dell’intervento del signor Borotti che fin dall’inizio confessa di basare le proprie convinzioni, e quindi le proprie critiche, su alcune voci raccolte da cittadini, senza specificare il numero di segnalazioni e la provenienza delle testimonianze.

Parla di racconti e vicende preoccupanti senza entrare nel dettaglio, cita lamentele da parte di alcuni utenti senza precisare i fatti concreti e le situazioni precise. Borotti si limita a parlare di una non meglio specificata carenza nell’aspetto umano delle lungodegenze, di poca attenzione all’umanizzazione delle cure, sempre restando nel vago, senza citare dati ed episodi precisi, sostenendo genericamente di dare voce, in quanto consigliere comunale, al malcontento di un numero non meglio precisato di fruitori. Ebbene, in quanto consigliere comunale, Borotti è un personaggio pubblico, eletto dai piacentini con lo scopo di evidenziare problematiche reali e proporre soluzioni pratiche.

Per questo motivo riteniamo sconveniente che lo stesso consigliere decida di avanzare pesanti accuse all’indirizzo di due strutture sanitarie cittadine senza presentare il minimo dato, il minimo esempio, la minima prova a sostegno delle sue dichiarazioni e basandosi soltanto su quello che viene comunemente definito “il sentito dire”. Alla fine del suo intervento Borotti avanza la necessità di introdurre questionari di gradimento per verificare la soddisfazione degli stessi utenti che accedono a queste strutture private convenzionate.

A dimostrazione delle precarie informazioni in possesso del consigliere teniamo a precisare che i suddetti questionari non solo esistono già e vengono regolarmente sottoposti agli utenti, ma addirittura dimostrano una generalizzata soddisfazione per il servizio offerto dalle Case di Cura Piacenza e Sant’Antonino. E a differenza dello stesso Borotti siamo in grado di proporre dati e numeri concreti a sostegno delle nostre dichiarazioni.

I questionari dimostrano, infatti, che mediamente il 97 per cento dei pazienti giudica positivo il comportamento del personale medico della struttura, mentre per quanto riguarda il personale infermieristico la soddisfazione dei pazienti sale addirittura al 99 per cento. Passando alla struttura materiale e all’edificio nel senso stretto del termine, il 95 per cento degli utenti valuta positivamente la qualità degli ambienti, l’igiene e la pulizia degli stessi mentre il 96 per cento dei fruitori considera positiva la qualità dei servizi alberghieri. Infine il 98 per cento circa dei pazienti dichiara, sempre per mezzo dei suddetti questionari, di aver ricevuto un servizio in linea con le aspettative o addirittura più alto.

Forti di questi dati ci rivolgiamo anche al sindaco Paolo Dosi che, a sostegno dell’intervento di Borotti, ha confermato la presenza di criticità legate ad alcune strutture convenzionate e ha espresso la forte volontà di agire nonostante la “limitata autonomia di intervento da parte del Comune”. I dati in nostro possesso dimostrano, come sopra evidenziato, un altissimo gradimento da parte degli utenti nei confronti delle Case di Cura Piacenza e Sant’Antonino, motivo per cui siamo a più completa disposizione del sindaco qualora desiderasse conoscere non uno,bensì due esempi di strutture sanitarie private perfettamente funzionanti e attente all’umanizzazione delle cure.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.