Ricchezza prodotta, Piacenza al 16esimo posto tra le province

E’ quanto emerge dalla fotografia tracciata da Istat che oggi ha reso noti i dati dei Conti economici territoriali per gli anni 2011-2013. Circa 27mila euro il valore aggiunto prodotto nel nostro territorio per abitante

Più informazioni su

Con un valore aggiunto per abitante prodotto di circa 27mila euro (dati 2013) la provincia di Piacenza si colloca al 16esimo posto fra quelle più ricche, vale a dire con un livello superiore alla media nazionale (23,9mila euro).

E’ quanto emerge dalla fotografia tracciata da Istat che ha reso noti i dati dei Conti economici territoriali per gli anni 2012-2014. Un risultato che vede il nostro territorio in salita, con un recupero di 4 posizioni rispetto all’ultima rilevazione.

DATI NAZIONALI – Nel 2014 il Pil per abitante risulta pari a 32,5mila euro nel Nord-ovest, a 31,4mila euro nel Nord-est e a 29,4mila euro nel Centro. Il Mezzogiorno, con un livello di Pil pro capite di 17,6mila euro, presenta un differenziale negativo molto ampio, inferiore del 43,7% rispetto a quello del Centro-Nord (-43,2% nel 2013). In termini di reddito disponibile, il divario si riduce al 33,3% (-34,0% nel 2013).

La spesa per consumi finali delle famiglie a prezzi correnti è di 18,9mila euro nel Nord-est e nel Nord-ovest, 17,2mila euro al Centro e 12,6mila euro nel Mezzogiorno. Il divario negativo tra Mezzogiorno e Centro-Nord è del 31,5%. Il Pil in volume, a fronte di una riduzione a livello nazionale dello 0,4% rispetto all’anno precedente, ha registrato un incremento dello 0,4% nel Centro e una flessione pari all’1,1% nel Mezzogiorno, allo 0,8% nel Nord-ovest e allo 0,2% nel Nord-est.

Tra il 2011 e il 2014 le aree che hanno registrato i più marcati cali del Pil sono il Nord-ovest e il Mezzogiorno (rispettivamente -5,7% e -5,6%). La flessione è stata più contenuta nel Nord-est (-4,3%) e nel Centro (-4,2%).

Il reddito disponibile per abitante in termini nominali è pari nel 2014 a circa 20,7mila euro nel Nord-ovest, 19,9mila euro nel Nord-est, 18,5mila euro nel Centro e 13,2mila euro nel Mezzogiorno. La graduatoria delle regioni per livello di reddito disponibile pro capite nel 2014 vede al primo posto la Provincia Autonoma di Bolzano, con circa 22,5mila euro, e all’ultimo la Calabria, con 12,3mila euro.

Nel 2014 il reddito disponibile segna una flessione dello 0,6% nel Nord-est e dello 0,1% nel Nord-ovest, mentre aumenta dello 0,5% sia nel Centro, sia nel Mezzogiorno.

PROVINCE – Milano si conferma la provincia con il livello di valore aggiunto per abitante più elevato, 44,6mila euro; seguono Bolzano con 36,4mila e Bologna con 33,6mila euro. Piacenza, come si diceva, occupa il 16esimo posto di questa particolare classifica con circa 27mila euro; in Emilia-Romagna, oltre a Bologna, fanno meglio di noi Parma (7°posto), Modena (9°), Reggio Emilia (10°).

All’opposto, le province con il valore aggiunto pro capite piu` basso sono quelle di Medio Campidano, Barletta- Andria-Trani, Carbonia-Iglesias, Vibo Valentia e Agrigento, con circa 13mila euro per abitante, contro 23,9mila euro a livello nazionale.

LEGGI IL REPORT ISTAT INTEGRALE

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.