Quantcast

A Piacenza 12mila disoccupati: in cinque anni sono quadruplicati VIDEO foto

Sono quadruplicati i disoccupati a Piacenza nell'arco del quinquennio dal 2009 al 2014: cinque anni fa erano 3mila, oggi ben 12mila. Lo dicono i dati dell'Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro della Provincia

Più informazioni su

Sono quadruplicati i disoccupati a Piacenza nel quinquennio 2009-2014: cinque anni fa erano 3mila, oggi ben 12mila. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro della Provincia: il report è stato illustrato (SCARICA LA VERSIONE INTEGRALE) stamani nella Sala Giunta della Provincia di Piacenza da Paola Galvani, Consigliera provinciale con delega al Lavoro e da Elena Bensi dell’Osservatorio.

Il 2014 è stato l’anno più nero per il lavoro a Piacenza e provincia: la percentuale di disoccupazione provinciale ha raggiunto il 9,4 per cento, una media superiore a quella della Regione Emilia Romagna. I settori che hanno sofferto di più sono quelli della manifattura, mentre reggono i servizi. 

LEGGI LA SINTESI

Nel 2014 sono 8mila 356 le persone che si sono rivolte ai centri per l’impiego della Provincia, facendo registrare il massimo afflusso dall’inizio della crisi economica: il 51% sono donne (il 35% hanno meno di 30 anni e il 47% sono di età compresa tra i 30 e i 49 anni). Gli italiani rappresentano il 66% del totale, mentre gli stranieri sono il 34%. 

Gli avviamenti al lavoro sono stati 47mila410, 2mila in più rispetto al 2013, ma il bilancio annuale resta comunque negativo: le cessazioni hanno superato il numero dei nuovi occupati e il saldo finale è di1248 i posti di lavoro persi, confermando il trend negativo dei due anni precedenti.

Le imprese che nel 2014 hanno assunto, lo hanno fatto con contratti a tempo determinato, in forte incremento, anche grazie alle semplificazioni introdotte dal decreto Poletti: brusca flessione per i contratti a tempo ideterminato, che rappresentano solo il 16% degli avvii al lavoro, diminuiti in pari percentuale rispetto al 2013. 

La logistica e il settore dei trasporti-magazzinaggio si confermano in crescita occupazionale (+552 avviamenti nel 2014) e torna positivo il saldo del mondo della sanità ed assistenza sociale (+167 avviamenti). In netto peggioramento il settore del commercio e dei pubblici esercizi a Piacenza (complessivamente meno 884 lavoratori), soprattutto a causa dell’impoverimento delle famiglie e alla conseguente diminuzione dei consumi.

Nel manifatturiero saldo negativo in tutti i settori, ad eccezione del chimico-farmaceutico. Resta alto anche il ricorso alla cassa integrazione, con oltre 5,3 milioni di ore autorizzate nel 2014.

VIDEO intervista con Elena Bensi


IL REPORT INTEGRALE

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.