Asp “pubblica”, Milza (Aci): “Scelta politica e non solo tecnica”

Sulla vicenda della reinternalizzazione dei servizi assistenziali agli anziani dell'Azienda servizi alla persona "Asp Città di Piacenza", interviene con una nota il presidente dell'Alleanza della Cooperative Italiane

Più informazioni su

Sulla vicenda della reinternalizzazione dei servizi assistenziali agli anziani dell’Azienda servizi alla persona “Asp Città di Piacenza”, interviene con una nota il presidente dell’Alleanza della Cooperative Italiane di Piacenza Francesco Milza. Per sottolineare le conseguenze politiche e non solo tecniche di una simile scelta. Ecco il testo integrale

Il confronto sul tema dell’internalizzazione dei servizi dell’Asp da parte dell’Amministrazione Comunale di Piacenza, alla luce del dibattito in corso, ritengo stia uscendo dal solco e dal tema centrale che è quello della scelta politica e delle sue conseguenze. Lo dico e lo ribadisco perchè il tema è serio, è una linea d’indirizzo politico “originale” sia in relazione al principio costituzionale di sussidiarietà, peraltro riconosciuto in termini concreti in questi anni dall’Amministrazione Comunale, sia per quanto succede nel resto del Paese per servizi analoghi.

Questo è il senso della posizione, espressa peraltro anche nel comunicato di ACI Piacenza, che intendo ribadire e che deve essere centrale nel dibattito in corso, il cadere in personalismi e in dietrologie diventa sbagliato e fuorviante rispetto al concetto, alto, che voglio riconoscere alle scelte di questa Amministrazione. E proprio in relazione ad una scelta, politica, a cui si vuole dare una valenza strettamente economica che ritengo potrebbe significativamente essere sconfessata nei contenuti e nei fatti conseguenti, ritengo debba porsi la domanda se tutto ciò possa produrre effetti benefici, per la collettività e che tipo di ricadute ne possa derivare dalla scelta.

E’ a questa domanda e solo a questa domanda, nel caso specifico nella persona del suo massimo rappresentante ovvero il Signor Sindaco, che ritengo la politica debba rispondere con tutta l’autonomia ma anche la conseguente responsabilità che ne deriva. Con tutto il rispetto per l’Assessore Cugini, ritengo che la scelta sia talmente deflagrante in termini politici che non possa essere solo e semplicemente una scelta “tecnica”, la conseguenza non potrebbe che essere una nuova visione sui servizi socio assistenziali che porterebbe a conseguenze da noi certamente non auspicate, ma diversamente politicamente incoerenti.

Sicuramente il percorso e soprattutto le modalità hanno forse portato a minimizzare il reale impatto della scelta riducendola per alcuni aspetti a “chiacchere da corridoio”, coinvolgendo una Cooperativa come Unicoop che va difesa per quello che rappresenta in termini di professionalità e capacità di servizio oltre che rispetto per gli oltre trecento soci, indipendentemente dalle scelte personali dei propri dirigenti passati, presenti e futuri. La realtà dei fatti è che le scelte di oggi avranno ripercussioni importanti per la collettività e prima di tutto per quegli ottanta soci lavoratori che rischiano di trovarsi in un limbo ingiustificato che poteva essere evitato a suo tempo con scelte più attente e lungimiranti.

Francesco Milza

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.