Educazione alla legalità al Mattei. Fiamme Gialle in cattedra

Nei giorni scorsi, presso l’Istituto Statale Superiore “Mattei” di Fiorenzuola,  si è tenuto un incontro delle Fiamme Gialle con gli studenti per parlare di cultura della legalità economica nell’ambito della terza edizione del progetto. 

Più informazioni su

Nei giorni scorsi, presso l’Istituto Statale Superiore “Mattei” di Fiorenzuola,  si è tenuto un incontro delle Fiamme Gialle con gli studenti per parlare di cultura della legalità economica nell’ambito della terza edizione del progetto. 
 
È un’iniziativa che trae origine da un Protocollo d’intesa tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca finalizzata a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli studenti della scuola primaria e secondaria. L’intento è di far maturare la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, nonchè dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.
 
Di concerto con il predetto Dicastero, è stato così sviluppato il progetto denominato “Educazione alla legalità economica” che, anche per l’anno scolastico 2014/2015, prevede l’organizzazione, a livello nazionale, di incontri presso le scuole orientati a:
creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”;
affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria;
stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche.
 
Al termine della riunione, tenuta dal Luogotenente Giorgio Botti, Comandante della locale Tenenza della Guardia di Finanza, dal Mar.Aiut. Gerardo Giovino e dal Fin.re Alessandro Iasella, che ha visto la partecipazione di varie classi per un totale di circa 130 ragazzi, nel cortile della scuola, si è proceduto ad una dimostrazione pratica di ricerca di sostanze stupefacenti, con l’ausilio di una delle unità cinofile presenti alla sede di Piacenza, composta dal fin.re Iasella Alessandro e dal labrador Buddy. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.