“Il re del tango” al Melville per Piacenza Suona Jazz

Ancora un appuntamento a tema letterario per il secondo incontro al Melville di San Nicolò all’interno della rassegna “Piacenza Suona Jazz”. Il caffè letterario di via Alighieri giovedì 26 marzo alle ore 22.00 presenterà il libro/concerto “Il re del Tango” di e con Carla Menaldo che ne è la voce recitante.

Ancora un appuntamento a tema letterario per il secondo incontro al Melville di San Nicolò all’interno della rassegna “Piacenza Suona Jazz”. Il caffè letterario di via Alighieri giovedì 26 marzo alle ore 22.00 presenterà il libro/concerto “Il re del Tango” di e con Carla Menaldo che ne è la voce recitante. Accanto a lei, sul palco, la fisarmonica di Athos Bassissi, la chitarra “tanghera” dell’argentino Daniel Chazarreta e il pianoforte di Stefano Calzolari.

Lo spettacolo è a ingresso gratuito, come gli altri della rassegna. Piacenza Suona Jazz è organizzata dall’associazione Piacenza Jazz Club insieme ai gestori dei locali coinvolti, con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e il patrocinio del Comune di Piacenza e rientra all’interno delle iniziative della prossima edizione del Piacenza Jazz Fest che avrà inizio il prossimo 2 maggio. Il libro di Carla Menaldo, edito da Gilgamesh Edizioni, è uscito da pochi mesi riscuotendo un ottimo successo di vendite e di critica. La storia è quella di un musicista e di una grande passione nata nelle balere e nelle sagre dell’Emilia.

Dal “liscio” come cultura delle tradizioni popolari, all’amore per il tango argentino e la sua evoluzione in tango nuevo, passando attraverso il mito della Parigi dell’arte. Miro, musicista spaccato tra la mercificazione “lisciaiola” del suo talento e la spinta evolutiva del suo genio, verso una sua propria interpretazione del tango, s’innamora di una donna che non sa trattenere, una donna che sarà, per tutto il libro, la voce narrante, ora esplicita, ora celata. Una storia d’amore che non diventa mai carne, condannata a un ruolo ancellare da un’altra passione assoluta e imprescindibile: quella per la musica.

Così, scappato dal mondo delle balere in declino, Miro torna nella città-musa Parigi; ci torna alla ricerca del tango perfetto, l’unico che può, forse, restituirgli per intero il suo genio e la sua donna. Ma quando arriva tutto si mescola, il presente e il passato, i vivi con i morti, e la sua urgenza compositiva lo trascina nell’ombra della follia, alla ricerca di Nina, quella donna che forse altri non è che quell’unico e inevitabile tango. Venerdì 27 marzo “Piacenza Suona Jazz” si sposterà al Sound Bonico con il concerto Ossi Duri plays “Zappa in Jazz” mentre domenica 29 marzo toccherà nuovamente al Milestone ospitare un grande appuntamento: il quartetto di Vladimir Kostadinovic.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.