“Mobilitiamoci per la pace”, lunedì presidio in Piazza Cavalli 

Le associazioni promuovono un sit in nel centro storico della città

Più informazioni su

MOBILITIAMOCI PER LA PACE: PRESIDIO A PIACENZA, LUNEDI 9 MARZO 2015 DALLE 18 IN PIAZZA CAVALLI – Il Comunicato stampa dell’iniziativa

La situazione internazionale attuale è contraddistinta dalla presenza di conflitti e tensioni le cui ricadute generano forti pericoli e rischi che mettono in pericolo la stabilità e la pace in diverse aree geografiche: Siria, Iraq, Palestina, Libia, Ucraina sono i principali fronti di guerra, anche se non tutti sono collegati tra loro, ovviamente.

La tragedia libica, le nuove minacce del cosiddetto Stato islamico, la crisi in Ucraina devono essere affrontate con urgenza e determinazione, occorre riportare l’attenzione su queste questioni.
La crisi economica che attraversa il nostro Paese rischia di provocare un disinteresse dell’opinione pubblica verso questo vicende, mentre essa va invece risvegliata perché quello che succede nel mondo colpisce direttamente le nostre vite, come le nostre emozioni.

Dobbiamo scongiurare con la forza della diplomazia, che si affermi la volontà di un intervento militare nei luoghi dove oggi le tensioni sono alte, che non farebbe altro che innescare una pericolosa spirale di violenza ed odio

Non possiamo più permetterci di chiudere gli occhi sulle troppe guerre che infiammano il mondo, continuando ad arrivare tardi sui conflitti che ci stanno davanti e lasciare tutto nelle mani dei responsabili politici di tanta negligenza.
Oggi non vanno ripetuti gli stessi errori di sempre per cui si continua a delegare agli eserciti e alle armi la soluzione dei problemi che la politica non ha saputo (o voluto) risolvere, gestendo le emergenze della sicurezza con le logiche e gli strumenti arcaici della crisi distruggendo decine di miliardi di euro dei nostri bilanci.

I nostri valori ed interessi non possono essere difesi in un mondo complesso e veloce come l’attuale se non ci si dota di una visione politica globale che possa permettere all’Europa di avere un progetto adeguato a quanto stiamo vivendo, insieme all’azione dell’ONU che deve essere messo in condizioni di agire come la realtà odierna richiede.
Il Mediterraneo è il confine meridionale dell’Europa e dobbiamo partire da questo punto di vista, contrastando chi strumentalizza politicamente i drammi, l’insicurezza e le paure di tante persone fomentando divisioni, intolleranza, disprezzo, odio, in un crescendo di xenofobia.
Se vogliamo uscire da questo incubo cominciamo col mettere al bando l’indifferenza e l’isteria, usando passione ed intelligenza.

aderiscono:  Arci, Libera, Donne e uomini contro la guerra, Mondo Aperto APS, Legambiente circolo di Piacenza, MCE Piacenza (Movimento di Cooperazione Educativa) , MCL (Movimento Cristiano Lavoratori), Centro Culturale Islamico di Piacenza via Mascaretti, Comitato Provinciale “Un’altra difesa è possibile”, Gruppo di affidatarie/i di bambine/i del campo profughi di Jabalia – Gaza, tramite Salaam, Ragazzi dell’Olivo, Cppp (Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti), Tavolo della Pace di Piacenza, Emergency, Partito Democratico, Partito della Rifondazione Comunista, Sinistra Ecologia e Libertà.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.