Approda anche a Piacenza “BabyInItaly”, TripAdvisor per famiglie

Dopo Brescia, Como, Udine, Mantova anche a Piacenza genitori, nonni, zii o esperti del mondo dell’infanzia possono finalmente condividere su BabyInItaly un’esperienza, descrivere un’emozione, raccontare attraverso delle recensioni un luogo (ristoranti, negozi, spazi di divertimento o scuole) in cui le famiglie con i loro bambini sono protagonisti.

Più informazioni su

Nato come blog personale – in cui i genitori fondatori raccontavano le proprie esperienze confrontandosi con quelle degli altri – ha riscontrato subito un grande successo tanto da trasformarsi quest’anno in BabyInItaly, un portale nazionale con sezioni locali.

Dopo Brescia, Como, Udine, Mantova anche a Piacenza (Baby@Pc) genitori, nonni, zii o esperti del mondo dell’infanzia possono finalmente condividere su BabyInItaly un’esperienza, descrivere un’emozione, raccontare attraverso delle recensioni un luogo (ristoranti, negozi, spazi di divertimento o scuole) in cui le famiglie con i loro bambini sono protagonisti.

L’obiettivo è ambizioso: trasformare BabyInItaly e tutte le sezioni locali in una mappa dell’Italia, una sorta di TripAdvisor che guidi famiglie, genitori, nonni, zii, educatori alla scoperta di quei luoghi attenti alla dimensione famiglia. Settimanalmente infatti vengono pubblicate recensioni dedicate a ristoranti, negozi, spazi di divertimento o scuole. La mappa interattiva mostra attraverso intuitive icone la posizione geografica di tali recensioni, consentendo agli utenti di scoprire dove si trovino i luoghi e gli appuntamenti maggiormente baby-friendly, così come scoprire attraverso la navigazione via smartphone quali siano i più vicini a loro.

Sei fuori città con la famiglia e non sai come orientarti? La mappa di BabyInItaly ti sarà molto utile! Un’icona supplementare del certificato di BabyInItaly mostrerà quali luoghi siano stati reputati eccezionalmente baby-friendly secondo standard di valutazione pensati dai genitori stessi. Parallelamente alle sezioni locali non mancano mai i contenuti di interesse più trasversale legati a temi importanti come lavoro&famiglia, salute piuttosto che recensioni di libri e giocattoli o pillole di vita vissuta. Non poteva mancare uno speciale focus su Expo. Il portale sta inoltre cercando di stringere interessanti collaborazioni con le Top Mommy Blogger nazionali. Subito in homepage è possibile scaricare il cartello dei monelli, utile strumento di boicottaggio delle auto parcheggiate malamente sui marciapiedi. Inoltre in questi giorni è stato lanciato il “bollino” a misura di bambino: i luoghi più babyfriendly raccontati dagli internauti riceveranno questo “certificato” che oltre ad essere presente sugli articoli verrà inviato alle realtà recensite per essere esposto negli ingressi.

In fondo lo slogan del portale – raccontato anche dal video di lancio presente su YouTube – descrive come per Babyinitaly è importante stare a spasso con il proprio bambino ed è fondamentale per questo vivere il più possibile esperienze positive in spazi accoglienti. La filosofia di BabyInItaly si ispira a un principio base fondamentale: “caring is sharing”, in cui il significato di condivisione va oltre a quello della semplice spartizione di qualcosa (situazioni, emozioni, eventi, spazi etc), per abbracciare un valore più profondo, quello della cura e dell’attenzione per le persone. Abbiamo per questo coniato l’espressione milk&link. BabyInItaly è milk&link! A meno di due anni di distanza un blog personale si è trasformato in un portale nazionale grazie all’entusiasmo dei lettori e ai numeri costantemente in crescita. Baby@bs è andato online a fine luglio 2013 con poco più di 1.000 utenti fidelizzati, ora BabyInItaly ne conta più di 8.000 che visitano costantemente le pagine del sito. Il consenso del pubblico si nota anche dalla permanenza online degli utenti, per lo più donne appassionate di cucina, viaggi e shopping che non si limitano ad un’occhiata veloce ai contenuti, ma che approfondiscono gli articoli dimostrando interesse; con una media di oltre 1 minuto e mezzo a visita, il sito gode di un’ottima persistenza online, sintomo che le tematiche proposte piacciono e stimolano i navigatori a “tornare” sul sito. In 20 mesi sono stati pubblicati circa 500 articoli commentati dai lettori.

L’attività costante è uno dei punti di forza di BabyInItaly che permette di ricevere informazioni, notizie e consigli personali, originali e aggiornati. Le visite sono state oltre 40.000 nel corso del 2014, in aumento rispetto ai primi mesi del 2013, trasformando il portale in un luogo di scambi virtuali, sempre più popolare grazie alla varietà dei contenuti. Gli stessi risultati positivi si riscontrano anche sui social network: Facebook in primis dove la pagina ha circa 1000 “mi piace” e un grande numero di apprezzamenti e condivisioni per post; anche Twitter ha visto un aumento della popolarità negli ultimi mesi. Si registra non solo un aumento dei followers – più di 180 – ma anche una crescita dei retweet, una sorta di condivisione dei post degli articoli del sito. Presenti anche su Google+ con 58 followers e oltre le 16.000 visite. Oggi l’obiettivo è ampliare e consolidare questo network di collaboratori e redattori tra le province d’Italia. BabyInItaly conta sul contributo di tutti: chiunque infatti potrà raccontare esperienze o condividere opinioni costruttive all’interno del portale scrivendo dal form dedicato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.