Quantcast

Bus, Rancan (Lega) “Basta chiedere soldi ai Comuni, la Regione faccia la sua parte”

Così Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord interviene sul caso del Trasporto Pubblico Locale di Piacenza e sulla richiesta avanzata da Seta ai Comuni, in merito alla necessità di andare a coprire la quota prima a carico della Provincia.

Più informazioni su

“In democrazia è la maggioranza a vincere, ma questo non vuol dire che chi la pensa in modo diverso sia obbligato a sottostare a tutto sempre e comunque”. Così Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord interviene sul caso del Trasporto Pubblico Locale di Piacenza e sulla richiesta avanzata da Seta ai Comuni, in merito alla necessità di andare a coprire la quota prima a carico della Provincia.

“Prima di togliere i fondi alle province e di mettere in campo una scandalosa rivoluzione per quello che riguarda gli enti locali e le amministrazioni decentrate, era la Provincia di Piacenza  a coprire la quota restante per garantire lo svolgimento del servizio. Ora che, dopo i tagli del centrosinistra,  la Provincia non ha più fondi a disposizione, Seta chiede che siano i 48 Comuni coperti dal servizio a farsene carico. Una richiesta che non si può accogliere. Bene hanno fatto le amministrazioni di Cadeo, Cortemaggiore e Alseno a dire ‘no’. La Regione – attacca Rancan – non può fare finta di non vedere quello che accade senza intervenire anche perché storicamente l’arrivo di Seta ha paternità proprio in via Aldo Moro. E ora la giunta che fa? Nulla, tace e lascia che i Comuni ai quali si tagliano i finanziamenti si faccia carico di altre spese. Non solo non è accettabile, ma non è materialmente possibile”.

 “Dalla regione arrivano 16 milioni di euro – spiega Rancan -, lo sappiamo. Ma se questi soldi non bastano a permettere la continuità del servizio dobbiamo fare qualcosa. E questo qualcosa non può fare rima con la frase: ‘Comuni pensateci voi’ Non sono stati i piacentini a chiedere di rivedere assetti e budget provinciali. Così non andremo da nessuna parte. Piuttosto si taglino le spese inutili e gli sprechi, ma si garantisca il trasporto Pubblico Piacentino”.

Sul piede di guerra anche Gianmaria Pozzoli, assessore al bilancio del comune di Rottofreno: “Nonostante le promesse di Renzi, nessuna riduzione sui tagli né sul patto di stabilità degli enti locali si è concretizzata nel 2015.  Lo Stato centrale obbliga i Comuni a una continua riduzione della spesa corrente, noi amministratori non possiamo permettere di appesantire ancora i nostri bilanci.  

Senza garanzie gestionali da parte di Seta per il presente e per il futuro i comuni non possono tagliare sul sociale o aumentare la tassazione per regalare contributi ad un servizio inefficiente e il cui contratto è scaduto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.